Australian Gate

spot 3

PARTE 1 – AUSTRALIAN GATE

Cosa è successo a molti bambini australiani negli ultimi 50 anni? Questa è stata la domanda di fondo che ha portato il parlamento australiano a creare la Royal Commission into Istitutional Resposnses to Child Sexual Abuse. Di cosa si occupa questa commissione, quando é stata istituita e perchè?

In Australia la Royal Commission into Istitutional Resposnses to Child Sexual Abuse è stata istituita nel 2012 dopo che, nella Chiesa Cattolica Australiana, erano scoppiati scandali a catena su presunti abusi sui minori causati da esponenti del clero. Lo Stato ha voluto vedere le dimensioni di questo problema non solo nella Chiesa Cattolica, ma in tutte le organizzazioni che hanno a che fari con i minori in Australia. Il programma della Commissione era chiaro fin dall’inizio: Studiare tutti i casi di presunti abusi sui minori verificatisi all’interno di Istituzioni, Scuole, Chiese, Club sportivi, Organizzazioni governative e altro.

Il presidente della Commissione è il giudice di corte d´appello Peter McClellan, mentre gli altri membri della Commissione sono il giudice Jenniffer Coate, il commissario Bob Atkinson, il commissario Helen Milroy e il commissario Andrew Murray. Un ruolo di spicco nei lavori della Commissione viene assegnato all´avvocato sudafricano Angsus Stewart, che in qualitá di assistente del Presidente della Commissione, svolge un ruolo simile al pubblico ministero in un processo.

Dobbiamo ricordare che la Commissione Reale Australiana non é un procesesso vero e proprio, e nessuno degli “indagati” viene riconosciuto penalmente colpevole o innocente. Si tratta di una “commissione di inchiesta” che deve capire e investigare la portata del problema. Serve quindi a raccogliere informazioni e a fare raccomandazioni. Alla fine non verranno emesse condanne penali.

QUESTO LINK potete vedere tutti i casi che sono stati trattati dalla Commissione. Il studio del Caso numero 29, che trovate A QUESTO LINK riguarda i Testimoni di Geova Australiani.

LO STUDIO DEL CASO NUMERO 29: I TESTIMONI DI GEOVA

Cosa ha riscontrato la Commissione Reale Australiana studiando il Caso numero 29, vale a dire la religione dei Testimoni di Geova in Australia? Seguendo le direttive del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova (il loro organo dirigente) tutti gli anziani delle varie Congregazioni o Chiese locali dei Testimoni di Geova devono registrare ed archiviare tutti i casi di abusi sui minori avvenuti all´interno delle loro Congregazioni. A loro volta, i dati principali di questi casi (come nome dell´abusato e dell´abusatore, etá, persone coinvolte e simili) vengono spediti alla loro sede nazionale o Filiale, che i Testimoni di Geova chiamano Betel. Tutti questi dati vengono archiviati a tempo indeterminato. Ogni Betel possiede quindi i dati principali di tutti i casi di abusi sui minori avvenuti nelle Congregazioni dei Testimoni di Geova situate nella nazione o nelle nazioni dirette da quella particolare Betel.

La Commissione Reale Australiana ha quindi richiesto questo archivio alla Filiale dei Testimoni di Geova australiana, che è stata obbligata a consegnarlo. Cosa si evince analizzando questi dati? Potete scaricare direttamente DAL SITO DELLA COMMISSIONE REALE AUSTRALIANA il documento è siglato WAT.0021.001.0001 che contiene i dati di questo archivio, che vi proponiamo qui sotto.

[pdf-embedder url=”http://www.geova.org/wp-content/uploads/2016/02/02-WAT.0021.001.0001-archivio-dati-abusi.pdf”]

(Nota: con i tasti + e – sulla barra potete fare zoom sul documento, con le frecce cambiare pagina, con la freccia del mouse potete muovere la pagina per leggerla tutta, visto che è piuttosto larga)

LA PRIMA RIGA DEL RAPPORTO SPIEGA I NUMERI CONTENUTI NELLA TABELLA

Perpetretor gender: è il sesso di chi ha abusato di un bambino, quasi tutti “Male”, uomini. Female sono donne

Total number alleged victims: È il numero totale dei bambini o minorenni che accusano un aggressore di essere un pedofilo.

Role in church at time of fist abuse: È il ruolo che ricopriva l´aggressore nella congregazione quando ha commesso il presunto abuso. Potevano essere (1) Elder, ossia anziano (2) Ministerial Servant, ossia Servitore di Ministero (3) Parischioner, ossia proclamatore, (4) Not a JW member, un membro non battezzato dei Testimoni di Geova.

Abuse Type: Il tipo di aggressore, che poteva essere Famial, un famialiare, o non-Familial, un estraneo, o addirittura Both, entrambi, quando erano più di uno.

Victim gender: il sesso delle vittime, Male per i maschietti, Female per le femminucce, Both se erano stati abusati sua un maschietto che una femminuccia

Victim age: l´eta dei bambini abusati

Year of first abuse: la data della prima violenza subita

Year first reported: la data in cui le vittime hanno parlato per la prima volta

State of first report: la sigla dello stato australiano (è una federazione) dove é avvenuta l´aggressione

Did 2-Victism rule prevent any case from progession to judical commitee? – Viene fatta la domanda: la regola (del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova) per cui bisogna avere due testimoni oculari per confermare una aggressione sessuale ai danni di un bambino ha impedito la formazione di un Comitato Giudiziario (un tribunale religioso interno)? Yes, se é stata impedita la formazione di un Comitato Giudiziario, No se per altre ragioni si è tenuto lo stesso (Per esempio il tipo ha confessato).

Did the perp confess in relation to any victim? Chi ha abusato di almeno un bambino ha poi confessato? Yes per si, e No per no.

Was a judical commitee formed? È stato formato un comitato giudiziario? Yes per si, e No per no.

Deleted as MS or Elder? C`e stata la cancellazione di un Anziano o di un Servitore di Ministero? Yes per si, e No per no.

No. times reproved: numero di volte in cui, al posto della dissasociazione, c´e stata una riprensione pubblica.

No. times disfellowshipped: numero di volte in cui il presunto aggressore è stato disassociato

No. times reinstated: numero di volte in cui chi ha abusato di un bambino è stato poi riassociato

No. times reappointed as MS or Elder: numero di volte in cui, dopo essere stato rimosso, un anziano o un servitore di ministero é stato successivamente rinominato

Reported to autorities by JW: Numero di volte in cui i Testimoni di Geova, intesi come chiesa, hanno denunciato alla polizia i casi di abusi sui minori. ZERO VOLTE su 1.006 casi (sono segnati una decina di casi UNCLEAR, non chiari)

RIASSUNTO DEI DATI A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE

Angus Stewart, per conto della Commissione, ha realizzato un riassunto dei dati disponibili nel documento  WAT.0021.001.0001.  Questo documento é siglato come WAT.9999.013.0012. Il documento WAT.9999.013.0012 che si trova a QUESTO LINK nel sito della Commissione di inchiesta Australiana sugli abusi sui minori nelle Istituzioni. Ci limitiamo a dare una traduzione indicativa, aggiungendo qualche nota o aggiunta dove serve a rendere chiaro il significato. Il documento dice piú o meno come segue:

*********************************

In risposta alla richiesta di convocazione S-NSW-391 emanata dalla Commissione Reale in data 4 Febbraio 2015, La Watchtower Bible and Tract of Australia produce i documenti che hanno relazione con gli archivi posseduti dalla Watchtower Australia che riguardano i reati o le accuse di abusi sessuali sui minori avvenuti nella Chiesa dei Testimoni di Geova in Australia

L´analisi della Commissione Reale Australiana su tali documenti ha prodotto il seguente rapporto

Somma totale dei presunti colpevoli

Dal 1950 la Filiale Australiana dei Testimoni di Geova ha archiviato casi di accuse, risconti o acclarata colpevolezza di abusi sessuali sui minori contro 1.006 membri della Chiesa dei Testimoni di Geova in Australia (presunti colpevoli)

Suddivisione dei presunti colpevoli Stato per Stato

(segue la suddivisione stato per stato dei casi, visto che l´Australia é uno stato federale)

Casi in cui sono coinvolti familiari e casi in cui non sono coinvolto i familiari

325 casi registrati riguardano NON-familiari

564 casi registrati riguardano FAMILIARI che hanno commesso abusi sui minori (in cui il minore e il suo abusatore erano familiari)

89 casi registrati riguardano situazioni in cui erano coinvolti sia familiari che non familiari

Ruolo dei presunti colpevole all´interno della chiesa dei Testimoni di Geova

108 dei presunti colpevoli erano anziani o servitori di ministero al tempo del primo abuso fatto a un minore (la WT Australia dice 104 nominati)

Applicazione della regola dei 2 Testimoni o della confessione per stabilire il colpevole

La regola [interna ai Testimoni di Geova] secondo la quale, per confermare una accusa, ci vogliono 2 testimoni oculari dell´abuso, ha impedito in 125 casi la formazione di un comitato giudiziario

579 accusati Testimoni di Geova hanno confessato di aver abusato di minori

Casistica dei comitati giudiziari

563 casi sono stati sottoposti a un Comitato Giudiziario formato da anziani dei Testimoni di Geova

Riprensioni

190 accusati sono stati ripresi (quindi rimproverati ma non espulsi n.d.r.) in relazione all´abuso su un minore

11 accusati sono stati ripresi piú volte (quindi piú volte rimproverati ma mai espulsi n.d.r.) in relazione all´abuso su un minore.

Disassociazioni

401 accusati sono stati disassociati almeno una volta per l´acccusa di abuso su un minore

78 accusati sono stati disassociati piú di una volta con l´accusa di aver abusato un minore (quindi sono stati espulsi, riammessi, e hanno nuovamente abusato di uno o piú minori n.d.r.)

Riassociazioni

Dei 401 espulsi per l´accusa di aver abusato di un minore, 230 sono stati successivamente riammessi dentro la Congregazione dei Testimoni di Geova

35 espulsi che erano stati espulsi per aver abusato una o piú volte di un minore, sono stati riammessi (riassociati) una o piú volte per lo stesso reato.

Nomina di anziani e servitori di ministero

28 presunti colpevoli di aver abusato di minori, sono stati nominati anziani o servitori di ministero dopo aver ricevuto questa accusa.

Rimozione di anziani e servitori di ministero

127 presunti colpevoli sono stati rimossi da anziani o da servitori di ministero dopo aver ricevuto l´accusa di aver abusato di un minore

Dei 127 presunti colpevoli rimossi, in seguito 16 sono stati nuovamente nominati anziani o servitori di ministero.

Condannati

161 presunti colpevoli sono stati condannati come abusatori di minori [presumibilmente da un tribunale dello Stato]

Casi di abusi sui minori riportati dalla Watchtower Bible and Tract Society of Australia alla polizia o ad altre autoritá

Noi non abbiamo trovato nelle registrazioni della Watchtower Bible and Tract Society of Australia nessun caso tra i 1.006 casi catalogati nei suoi archivi in cui é stata avvertita o la polizia o nessuna altra autoritá. [Nel senso che nessun anziano ha denunciato, n.d.r]

**************************************

Nota della redazione. Facciamo notare che anche sei i “casi” di abusatori sono 1.006, questi avrebbero coinvolto, secondo questi documenti, circa 1857 bambini.

LE ACCUSE DI INADEMPIENZA

Dopo aver raccolto tutti i dati e aver sentito la testimonianza di diversi Testimoni di Geova che sono stati abusati quando erano bambini, l´avvocato Angus Stewart ha formulato contro i Testimoni di Geova australiani delle accuse di inadempienza in relazione alle politiche di gestione degli abusi sui minori. Trovate a questo link il documento ufficiale. Secondo l´avvocato, durante il suo esame del modo di comportarsi dei Testimoni di Geova australiani in relazione all´abuso sui minori, emergono almeno 77 diverse infrazioni.

Tra le altre cose, l´avvocato Angus Stewart, a pagina 79 di questo documento, sotto la sigla F42 pone l´accento sul fatto che, nei Testimoni di Geova, un adulto che ha abusato di un bambino non può essere espulso dalla loro organizzazione a meno che non ci sia la testimonianza di due testimoni oculari dell´abuso o se lo stesso abusatore non confessa. Secondo l´avvocato, visto che la maggior parte degli abusi si consuma in privato, questa regola rende estremamente difficile espellere i pedofili che si trovano all´interno dei Testimoni di Geova. Secondo l´avvocato questa “probabile presenza” di pedofili non espulsi dai Testimoni di Geova per la mancanza di “due testimoni” crea un reale pericolo per i Testimoni stessi e per la comunità in cui vivono.

In altre pagine si legge che, secondo Angus Stewart, é palese che la chiesa dei Testimoni di Geova ha favorito la diffidenza nel ricorrere alla protezione delle autorità secolari quando si verificavano casi di pedofilia all´interno della loro chiesa. Inoltre, sempre secondo Angus Stewart, la risposta della chiesa dei Testimoni di Geova ai casi di abusi sessuali su minori non é in armonia con i migliori standard attuali. Secondo l´avvocato dal 1950 ad oggi la chiesa ha ricevuto 1.0o6 segnalazioni contro i suoi membri per casi di pedofilia e gli anziani dei Testimoni di Geova non hanno segnalato nessun caso noto alla polizia. Nella sua relazione, l´avvocato Angus Stewart contesta ai Testimoni di Geova molti altri addebiti.

LA DIFESA DEGLI AVVOCATI DEI TESTIMONI DI GEOVA AUSTRALIANI

Cliccando su QUESTO LINK possiamo scaricare il file PDF che contiene della memoria difensiva degli avvocati che tutelano e rappresentano la Watchtower Australiana nella inchiesta avviata sugli abusi sui minori in Australia. Riportiamo alcune delle argomentazioni proposte dalla difesa:

Punto 9.14 Non c´è nessuna evidenza che i 1.800 [minori abusati] possano essere definiti realmente vittime [di un abuso sessuale]. Una accusa [di aver subito un abuso sessuale] non fa di [un minore] una vittima. È risaputo che nel contesto di problemi familiari vengano fatte accuse [false] di abusi sessuali. Non tutte le accuse sono sostanziali o devono essere necessariamente vere.

Punto 9.15 I Testimoni di Geova hanno una definizione molto ampia di condotta sessuale errata, che include ad esempio il sexiting tra minori (scambio di messaggi erotici tra minorenni). Gli anziani hanno istruzioni di chiamare la Filiale se sanno che un minore é coinvolto in un caso di sexting.

Punto 9.17 Quinto, diventare un testimone di Geova è una fatto volontario. La loro struttura organizzativa, sul modello della comunità cristiana del primo secolo, esiste per servire Dio. La fede non è un’agenzia o un ente governativo a cui è affidata la responsabilità della supervisione e della cura dei bambini.

La memoria difensiva degli avvocati della Watchtower contiene molti altri punti difensivi.

L´AUDIZIONE DI UN MEMBRO DEL CORPO DIRETTIVO

Durante i lavori della Commissione, sono stati ascoltati come persone informate sui fatti diversi anziani di congregazione e altri membri di spicco dei Testimoni di Geova australiani. Tra questi, il responsabile del Reparto Legale della Betel, il Coordinatore o responsabile della Betel, e un membro del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, Geoffrey Jackson, di nazionalitá australiana. Nessuno di loro ha cercato di negare la sostanza dei rilievi che venivano fatti nei confronti dei Testimoni di Geova. Piuttosto hanno cercato di spiegare perchè le cose andavano in quel modo.

Proponiamo qui sotto il filmato integrale delle interviste del membro del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova con i sottotitoli in Italiano

PRIMA PARTE

SECONDA PARTE

Alcuni aspetti controversi di questa intervista riguardano alcune dichiarazioni di Geoffrey Jackson, chiamato a testimoniare sotto giuramento sulla Bibbia. Il signor Jackson asserisce ripetutamente di non essere competente su questa materia [gli abusi sui minori], e dice che il suo ruolo si limita a quello di semplice “traduttore” all´interno dei Testimoni di Geova. Piuttosto che proporre il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova come il solo “canale” tra Dio e gli uomini, Jackson riduce la loro funzione a semplici “Guardiani della fede”, che hanno solo una funzione di controllo su quanto avviene. Il signor Jackson asserisce ripetutamente che il Corpo Direttivo non propone la scrittura e non scrive nessun articolo, rivista o libro in uso dai Testimoni di Geova, ma si limita a leggere se quello che gli viene proposto da altri è in armonia con la “dottrina” dei Testimoni di Geova. Le sue dichiarazioni hanno causato un enorme dibattito all´interno dei Testimoni di Geova.

In buon sostanza, il signor Jackson scarica tutta la responsabilitá che deriva dall´aver scritto le procedure sul comportamento da tenere nei casi di abuso sui minori nei Testimoni di Geova sui loro assistenti del Reparto Legale, del Reparto del Servizio e alle varie filiali Betel e Corpi degli anziani. Per quanto riguarda la sua responsabilitá si limita a dire “questo non é il mio campo”.

PUBBLICAZIONE DI MATERIALE CONFIDENZIALE

La Commissione Reale Australiana ha pensato che era opportuno pubblicare tutto il materiale probatorio che aveva acquisito sui Testimoni di Geova australiani. Quindi nel sito della Commissione Reale Australiana sono state pubblicati pubblicati in formato PDF alcuni dei libri più “segreti” dei Testimoni di Geova, come il libro usato dai Comitati del Corpo Direttivo e dai Comitati di Filiali, il libro degli Anziani di Congregazione, alcune pubblicazioni in uso dai Sorveglianti Viaggianti, moltissime lettere contenente corrispondenza interna e varie disposizioni organizzative segretate. Moltissimi Testimoni di Geova e altri interessati di tutto il mondo hanno scaricato e letto per la prima volta nella loro vita queste informazioni, facendosi una opinione nuova di come vengono gestiti alcuni aspetti organizzativi interni.

Tutte queste pubblicazioni sono disponibili a QUESTO INDIRIZZO

LE RIPERCUSSIONI

Il “Caso Australia”, come un nuovo “Caso Spotlight”, ha avuto ripercussioni a livello mondiale. Molti Testimoni di Geova ignari di quello che accadeva all´interno della loro stessa religione hanno usato internet per parlarsi, per incontrarsi, per ragionare, per capire, per cercare la veritá. Tantissimi blogger coraggiosi hanno rischiato in prima persona ma non hanno taciuto. Si sono scambiati informazioni, idee e coraggio. Uno dei frutti del “Caso Australia” é la nascita del blog Geova.ORG.

CI SARANNO CONDANNE?

Sicuramente non ci saranno condanne nell´immediato. Infatti la Commissione Reale Australiana non é un tribunale, e nessuno degli “indagati” viene riconosciuto penalmente colpevole o innocente. Si tratta di una “commissione di inchiesta” che deve capire e investigare la portata del problema. Alla fine non verranno emesse condanne penali.

La cosa finirà li? No. Quando la Commissione avrà terminato i suoi lavori, questi verranno discussi dal Legislatore Australiano. In base a tutti gli elementi raccolti dalla Commissione Reale, il Parlamento australiano interverrà proponendo strumenti legislativi appropriati. A quel punto, chi non era considerato “colpevole” prima, può essere considerato “colpevole” dopo. Noi non lo sappiamo, sono decisioni che aspettano alle autorità australiane.

PERCHÈ DIVULGARE LE NOTIZIE?

Tra le vari posizioni dei responsabili dei Testimoni di Geova, abbiamo riscontrato che questa notizia è stata definita da molti solo una montatura giornalistica, un accanimento mediatico o l’ennesimo tentativo di un gruppo di Apostati ben introdotto, di infangare il “buon nome del popolo di Geova”. Non ve lo nascondiamo, queste posizioni ci fanno tristezza.

Il primo motivo nasce dal cuore. Pensare che la tutela dell’integrità fisica e psicologica di un bambino attraverso una commissione di inchiesta voglia dire infangare il buon nome dei Testimoni Geova e quando di più triste e assurdo si possa pensare.

Il secondo motivo nasce invece dall’intelletto. La maggioranza dei Testimoni di Geova che ritiene improbabili queste accuse, sono gli stessi che negli anni scorsi hanno citato come veritieri articoli di giornale, sentenze dei tribunale, video-testimonianze apparse in rete su presunti abusi sui minori da parte di altre confessioni religiose. In poche parole erano stati informati dalle stesse fonti alle quali ora non credono. Come mai questa differenza di giudizio? Come mai questa differenza nel divulgare le informazioni? Perché le stesse fonti che ci forniscono una notizia, risultano credibili quando si parla di Santa Sede e non lo sono quando si parla di Corpo Direttivo?

LA REAZIONE DEL CORPO DIRETTIVO DEI TESTIMONI DI GEOVA

23 kramer raund 2 Stephen Lett, membro del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, ha pubblicamente accusato in mondovisione tutti coloro che asserivano che i Testimoni di Geova avevano al loro interno il problema della pedofilia come “apostati”, meritevoli quindi di essere espulsi dalla Congregazione e privati dell´amore di Dio. Le sue parole precise sono state: “Un altro modo in cui si può contribuire alla unità: rifiutando le false storie che sono progettate per separarci dall’amore dell´ organizzazione di Geova. Ad esempio, pensate alle bugie e alle disonestà ideate dagli apostati, secondo cui  l’organizzazione di Geova è permissiva verso i pedofili. Voglio dire, è ridicolo, non è vero! Se c´é qualcuno che agisce contro chi puó minacciare i nostri giovani, e agisce per proteggere i nostri giovani, è l’organizzazione di Geova. Noi rifiutiamo a titolo definitivo tali menzogne. ” – fine citazione

PROPONIAMO QUI SOTTO IL VIDEO

Le sue dichiarazioni stridono fortemente con quelle rilasciate da Geoffrey Jackson, anche lui membro del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, anche lui in diretta mondiale, davanti a una Commissione di inchiesta e SOTTO GIURAMENTO ha RICONOSCIUTO che

(1) esiste il problema della pedofilia all´interno dei Testimoni di Geova.

(2) le procedure che gestivano i casi di pedofilia non erano adeguate e vanno migliorate

(3) il Corpo Direttivo é disposto a scusarsi.

(4)  si puó addirittura pensare a un risarcimento economico delle vittime

(5) La Commissione gli ha fatto testualmente riconoscere che dire che nei Testimoni di Geova esiste il problema della pedofilia non é un attacco alla fede

PROPONIAMO ANCHE IN QUESTO CASO IL VIDEO

Ora ci facciamo la domanda: chi di questi due uomini ha mentito? Non possono aver detto entrambi la veritá.

GLI ALTRI ARTICOLI DELLA INCHIESTA SPOTLIGHT ITALIA

(1) Australian Gate

(2) I libri del Diavolo

(3) Il caso Fenice

(4) Il tentativo fallito

(5) Benvenuti all´inferno

(6) Le due comunitá

(7) I giochi del Diavolo

(8) Io non ci sono mai stato, non ho mai visto, non ho mai saputo

(9) x-files

(10) Negare, negare, negare

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.