Dipendenza affettiva

Molti cristiani sono malati di qualcosa che si chiama “Dipendenza Affettiva” verso un culto o una organizzazione. Ecco la descrizione.

Inizio citazione – Una premessa è d’obbligo quando si parla di dipendenza affettiva: ognuno di noi è dipendente in qualche misura dagli altri, tutti noi abbiamo bisogno di approvazione, empatia, di conferme e ammirazione da parte degli altri, per sostenerci e per regolare la nostra autostima.

La vera indipendenza non è né possibile né auspicabile. Ma la dipendenza affettiva può raggiungere una forma così estrema da diventare patologica.

In questi casi la persona non è in grado di prendere delle decisioni da sola, ha un comportamento sottomesso verso gli altri, ha sempre bisogno di rassicurazioni e non è in grado di funzionare bene senza qualcun altro che si prenda cura di lei (G. O. Gabbard, 1995).

Le persone dipendenti sono schive e inibite, quando sono sole si sentono indifese: vivono nel terrore di essere abbandonate e sono letteralmente sconvolte quando qualche relazione stretta finisce.

Per farsi ben volere sono disposte a fare cose spiacevoli e degradanti e, pur di stare nell’orbita dell’altro, possono accettare situazioni per chiunque intollerabili (Lingiardi V., 2005). – fine citazione

Non si possono prendere decisioni autonome se si é affetti da Dipendenza Affettiva. Prima bisogna guarire. Poi il cervello ricomincia a funzionare in maniera autonoma.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.