Giù la maschera

maschere

In rete sta circolando una “risposta a domande” da parte del blogger Teofilo di Patmos che sta facendo tremare “i piani alti” della Watchtower. Il popolare blogger fornisce la prova scritturale, basata sulla Traduzione del Nuovo Mondo e sulle pubblicazioni della Watchtower, che la nomina “dallo spirito” degli anziani di congregazione, dei Sorveglianti viaggianti e dello stesso Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova è tutto un clamoroso imbroglio. Si sta facendo di tutto per non far circolare queste lettera. Noi ve la proponiamo integralmente.

************************

Mi hanno spesso fatto una domanda. Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, i loro anziani, i loro sorveglianti, e in generale gli anziani e i sorveglianti di qualunque altra religione cristiana, sono nominati dallo “spirito santo”? La risposta è netta. No. Secondo le Scritture, questo è impossibile. Dato che questa domanda mi viene posta principalmente dagli amici che sono appartenenti ai Testimoni di Geova, useremo la Bibbia dei Testimoni di Geova e le loro pubblicazioni per dimostrare questa chiara e semplice verità.

Cosa dicono le Scritture sui “doni” miracolosi che vennero dati ad alcuni uomini del primo secolo? La Torre di Guardia dice a riguardo a questi “doni” negli uomini:

*** w10 15/9 pp. 18-19 parr. 8-9 L’unità cristiana glorifica Dio ***

Paolo ricorse a una consuetudine anticamente diffusa tra i soldati per illustrare il fatto che Gesù ha provveduto “doni” negli uomini [il corsivo e le parentesi sono nostre] per rendere la congregazione unita. Un soldato che tornava a casa vincitore poteva portare con sé un prigioniero straniero perché servisse come schiavo e aiutasse la moglie nelle faccende domestiche. (Sal. 68:1, 12, 18) In modo analogo, vincendo il mondo Gesù si assicurò molti prigionieri, per così dire, che divennero spontaneamente suoi schiavi. (Leggi Efesini 4:7, 8). Come impiegò queste persone? “Egli diede alcuni come apostoli, alcuni come profeti, alcuni come evangelizzatori, alcuni come pastori e maestri, in vista del ristabilimento dei santi, per l’opera di ministero, per l’edificazione del corpo del Cristo, finché perveniamo tutti all’unità della fede”. — Efes. 4:11-13.

Fine citazione

Di quali “doni” negli uomini si parla? Dato che alcuni, dopo aver ricevuto questo “dono” potevano diventare “profeti” o “apostoli”, è ovvio che si parla dei doni miracolosi dello spirito che venne versato su alcuni uomini del primo secolo. Paolo dice che alcuni di questi “doni” miracolosi negli uomini servivano nel primo secolo ad edificare le congregazioni. Questo è vero. Nel primo secolo alcuni uomini ricevevano una speciale manifestazione dello spirito santo, che permetteva loro di insegnare come non erano capaci di fare con le loro sole proprie forze.

Questi “doni” negli uomini sarebbero durati per sempre? No. A questo riguardo, il libro Perspicacia dice:

*** it-1 p. 720 Doni di Dio ***

Doni dello spirito. Nel I secolo E.V. il battesimo con lo spirito santo era accompagnato da doni miracolosi. Questi servivano come segni indicanti che Dio non usava più nel suo servizio la congregazione ebraica, ma che aveva dato la sua approvazione alla congregazione cristiana stabilita da suo Figlio. (Eb 2:2-4) Il giorno di Pentecoste il versamento dello spirito santo fu accompagnato da doni miracolosi, e in ciascun caso menzionato in seguito nelle Scritture in cui vennero trasmessi i doni miracolosi dello spirito, era presente almeno uno dei dodici apostoli o Paolo, che era stato scelto direttamente da Gesù. (At 2:1, 4, 14; 8:9-20; 10:44-46; 19:6) Evidentemente con la morte degli apostoli non si trasmisero più i doni dello spirito, e tali doni miracolosi cessarono completamente quando coloro che li avevano ricevuti scomparvero dalla scena terrestre.

Paolo enumera nove diverse manifestazioni o operazioni dello spirito: (1) parola di sapienza, (2) parola di conoscenza, (3) fede, (4) doni di guarigione, (5) opere potenti, (6) profezia, (7) discernimento di espressioni ispirate, (8) lingue e (9) interpretazione di lingue. Tutti questi doni dello spirito servivano a uno scopo utile, contribuendo non solo alla crescita numerica della congregazione, ma anche alla sua edificazione spirituale. — 1Co 12:7-11; 14:24-26.

Fine citazione

In questa spiegazione, viene giustamente detto che i doni miracolosi negli uomini nel primo secolo sarebbero col tempo spariti. Questo è quanto è realmente accaduto. Dopo la fine dell’ultimo apostolo, gradualmente tutti i doni miracolosi negli uomini sparirono.

Dove sta la truffa? Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, come il clero di tantissime altre religioni, vuol far credere che esistono “due serie” di “doni dello spirito”. La prima serie: “(1) parola di sapienza, (2) parola di conoscenza, (3) fede, (4) doni di guarigione, (5) opere potenti, (6) profezia, (7) discernimento di espressioni ispirate, (8) lingue e (9) interpretazione di lingue” che sono stati poi eliminati con la morte degli Apostoli.

Secondo questi signori, esiste poi una seconda serie di “doni” negli uomini “(1) apostoli, (2) profeti, (3) evangelizzatori, (4) pastori (5) maestri” che invece non sarebbero spariti, ma che esistono ancora. Questa è una clamorosa bugia che va contro le Scritture. In nessun punto delle Scritture viene detto che esistono dei doni miracolosi che scompaiono nel primo secolo, e altri doni miracolosi negli uomini che rimangono. Lo si vede immediatamente vedendo come il dono (6) della prima serie, la profezia, è identico al dono (2) della seconda serie, i profeti. Esisteva un solo spirito santo che dava a tutti i doni dello spirito. Quando i “doni” miracolosi negli uomini sparirono, non ne rimase in piedi nemmeno uno.

Perché il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, come il clero di moltissime altre religioni, vuol far credere che esistono due tipi di “doni” negli uomini, alcuni che scompaiono e altri che restano? Vogliono far credere questa finzione perché devono poter sostenere che nelle Congregazioni dei Testimoni e in altre Chiese operano “anziani, pastori, maestri e evangelizzatori” nominato dallo spirito santo, a cui essere ubbidienti.

Questo non può essere vero. I doni dello spirito, come dicono le loro stesse pubblicazioni, sono spariti. Questi includono anche i doni di “maestro, pastore e evangelizzatore”. Se oggi esistessero pastori e maestri nominati dallo spirito santo, in mezzo a queste religioni dovrebbero esserci anche “profeti e apostoli”. Vi risulta che in mezzo ai Testimoni di Geova esistono dei profeti in grado di profetizzare il futuro? La risposta è ovvia: no. Allo stesso modo non possono esistere uomini che hanno ricevuto il dono dello spirito di anziano o pastore.

Questo chiaro e semplice ragionamento illustra in maniera fotografica come né nei Testimoni di Geova né in qualsiasi altra religione cristiana possano esistere pastori, maestri e evangelizzatori nominati dallo spirito. Le persone che ricoprono questi ruoli sono tutti semplici uomini che si sono nominati l’uno con l’altro in incarichi di potere. Non hanno nulla di più rispetto agli altri credenti, e non vengono guidati da Dio in nessun modo speciale.

Questo porta alla conclusone ultima. Nemmeno gli anziani che compongono il Corpo Direttivo, e il clero delle religioni in generale, secondo le Scritture, può essere stato nominato dallo spirito santo. Sono semplici uomini, con nessun dono speciale, e non sono mai stati guidati da Dio in nessun modo speciale. È stata tutta una clamorosa truffa. Fa male saperlo, ma le scritture dicono quello. A meno che qualcuno pensa che la parola di semplici uomini abbia più autorità della Parola di Dio. Questa sarebbe un’altra storia.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.