I seminatori d’odio raccolgono…

 

otomi

 

Fonti della notizia:

The Guardian

Telesurtv

Grave atto di intolleranza religiosa di alcuni Testimoni di Geova messicani.

I media locali messicani hanno riferito Lunedi che alcuni membri della setta cristiana dei Testimoni di Geova hanno distrutto una immagine sacra indigena, che fa parte del patrimonio archeologico del Messico centro-orientale. Sembra esseri trattato di un atto di intolleranza religiosa, contro i rituali tradizionali “non cristiani” che vengono praticati presso l’antico luogo cerimoniale oggetto dell’attacco.

Sembra che l’altare che è stato attaccato abbia più di 7.000 anni, ed è un santuario Makonikha, una popolazione che si trova nello stato messicano di Hidalgo, ed è luogo di culto della tribù indigena degli Otomi.

I testimoni di Geova hanno confessato di essere stati loro a causare la distruzione degli altari di pietra. Comunque, hanno detto di non avere nessuna responsabilità nella perforazione di un buco che è stato fatto alla base di una piramide nel sito archeologico di San Bartolo Tutotepec.

I membri della setta cristiana dei TdG dicono che la distruzione del sito archeologico è stata motivata dalla convinzione che, la religione indigena Otomi, sia coinvolta nel culto del diavolo. Gli autori affermano che stavano seguendo la parola di Dio, distruggendo il sito del tempio.

L’antica religione dei Otomi considera sacre le varie divinità tra terra, acqua e fuoco, e venera i loro dèi con le offerte.

Secondo gli antropologi citate dal quotidiano messicano La Jornada, Mayonikha per la Otomi – il cui territorio si estende nel Messico centrale in almeno otto stati moderni – è paragonabile in importanza alla Mecca per i musulmani o al Vaticano per i cattolici.

Non è chiaro quando i Testimoni di Geova hanno eseguito il loro atto di vandalismo e come sono riusciti ad entrare in quel luogo sacro, protetto dagli indigeni locali, con accesso concesso solo ai fedeli.

I seminatori di odio del Corpo Direttivo dei TdG iniziano a mietere i loro frutti…

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.