Il confronto dei cataloghi

canone22

Questa immagine spiega piú di mille discorsi come é la situazione su quali libri biblici scritti in greco venivano accettati dai primi cristiani.

Potete vedere che, confrontando tutti i cataloghi disponibili, si vede come fino al 325 E.V., data riconosciuta da tutti gli storici come vicina alla “ufficializzazione” dell´apostasia con il concilio di Nicea, la situazione su quali libri fossero ispirati e quali no era piuttosto chiara.

Quei cataloghi contengono i nomi dei libri delle Scritture Greche Cristiani che venivano letti e studiati quotidianamente nelle Ekklesie. La maggior parte dei libri sono stati da subito accettati e studiati da tutte le Ekklesie. Altri libri non sono stati accettati da tutti fino a dopo il 325 E.V. Il resto sono chiacchere.

Quindi, i libri di Ebrei, Giacomo, 2 Pietro, 2 e 3 Giovanni e Giuda non venivano unanimamente accettati, o venivano addirittura scartati senza mezzi termini.

La cosa piú interessante é che questa tabella é contenuta a pagina. 303 del libro Tutta la Scrittura é ispirata da Dio, edito dai Testimoni di Geova. Loro che SAPEVANO, non hanno nulla da dire a riguardo?

PALLINA ROSSA: Scartato

PALLINA GIALLA: Dubbio

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.