Il Giornale e i casi di pedofilia nei Testimoni di Geova

spot 8

Dopo l’articolo sul Corriere della Sera  che potete leggere qui una seconda testata nazionale, il Giornale, riporta la notizia dello scandalo sugli abusi nei minori all’interno dei Testimoni di Geova.

L´articolo è di Sergio Rame e si trova a http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ombre-sui-testimoni-geova-casi-pedofilia-non-denunciati-1262437.html

Segue l´articolo.

È esplosa una nuova bomba legata a episodi di pedofilia non denunciati. Dall’Australia agli Stati Uniti, passando per la Gran Bretagna e molti altri Paesi del mondo, i testimoni di Geova sono travolti da uno scandalo di proporzioni internazionali.

In tribunale sono, infatti, arrivate le tristi storie di bambini abusati e le mancate denunce. Vicende insabbiate che sono arrivate a fatica alle autorità giudiziarie.

In Australia una commissione d’inchiesta ha individuato 1006 casi non segnalati alla magistratura. Nel corso della deposizione davanti alla Commissione Reale sulla pedofilia, istituita a Sidney la scorsa estate, Geoffrey Jackson, uno dei sette “papi” dei testimoni di Geova, ha ammesso che le procedure adottate fino ad allora si erano rivelate inadeguate. Fino al 2010, come racconta il Corriere della Sera, i testimoni di Giustizia non erano “liberi di denunciare” abusi sui minori. Avevano bisogno di almeno due testimoni perché un fatto venisse ritenuto penalmente rilevante. “Ma nei casi di violenza sessuale come si fa ad avere due testimoni? Se non c’è confessione del colpevole, l’unico testimone è la vittima. E da sola non basta – spiega Rocco Politi, fino al 2001 anziano a Modena – nel corso della mia esperienza  ho trattato almeno dieci comitati giudiziari che avevano per tema casi di molestie su minori. In nessun caso abbiamo riferito all’autorità giudiziaria”.

La regola dei due testimoni è mutuata da una minuziosa lettura della Bibbia. “Nessun testimone singolo deve levarsi contro un uomo rispetto a qualunque errore o a qualunque peccato, nel caso di qualunque peccato che egli commetta – recitano alcuni versetti del Deuteronomio – la questione dev’essere stabilita per bocca di due testimoni o per bocca di tre testimoni”. Dal 2010, però, i fedeli sono liberi di denunciare e gli anziani sono invitati a non interferire con la scelta delle famiglie. “Se gli anziani vengono a sapere di un’accusa su abusi su minori – si legge in una circolare del 2012 – dovrebbero chiamare immediatamente il Reparto Servizio (la Betel, la sede centrale della congregazione a Roma)”. E

“I testimoni di Geova ripudiano la pedofilia e gli abusi all’infanzia, reati perpetrati purtroppo a tutti i livelli della società – ha assicurato al Corriere della Sera l’ufficio informazione pubblica della Betel – er noi la salvaguardia dei bambini è di importanza capitale. Da decenni sia le nostre riviste sia il nostro sito web pubblicano articoli rivolti tanto ai testimoni di Geova che al pubblico in generale che trattano come proteggere i bambini dagli abusi”. Eppure a febbraio Le Iene hanno raccontato la vicenda di Riccardo Maggi che è stato dissociato dagli anziani dopo aver denunciato ai carabinieri un presunto abuso sessuale ai danni di un bambino di 9 anni. La Betel si difende così: “La vittima o i relativi genitori hanno il sacrosanto diritto di denunciare i casi di abuso alle autorità competenti. Gli anziani di congregazione non celano alle autorità chi compie abusi o eventuali pedofili, né cercano in alcun modo di evitare a costoro le conseguenze delle loro azioni. Chi si macchia del peccato di abuso all’infanzia è passibile di espulsione dalla congregazione e, se ha una posizione di responsabilità, decade dall’incarico”.

Fine articolo

Signor Sergio Rame, grazie per aver dato voce a tanti innocenti usati come spazzatura

Per chi vuole approfondire può usare i link qui sotto

(1) Australian Gate

(2) I libri del Diavolo

(3) Il caso Fenice

(4) Il tentativo fallito

(5) Benvenuti all´inferno

(6) Le due comunitá

(7) I giochi del Diavolo

(8) Io non ci sono mai stato, non ho mai visto, non ho mai saputo

(9) x-files

(10) Negare, negare, negare

(11) Chiara story

46 Commenti

  1. Mio nonno diceva:…. La ragione conosce ragioni che la ragione nn conosce…. La risposta della Betel é semplicemente incomprensibile… Forse é perchè sono semplicemente un uomo???

  2. Mi dispiace dirlo, ma non sarà cosi semplice, la strada è ancora lunga; l’Italia è il centro del cattolicesimo e certe questioni non vengono affrontate perché il mondo politico per primo non ha interesse ad attaccare il tempio della religione, di riflesso religioni parassite che non esitano a puntare il dito contro i cattolicesimo, godono l’immunità che religiosamente e stata accordata alla chiesa di stato. Tocca a tutti noi tramite blog, social o con un semplice passaparola aiutare questi giornalisti coraggiosi a denunciare la vergogna che si annida in quest’organizzazione.

  3. ….mi sembra di rivedere la storia del re Baldassarre e dei suoi cortigiani, mentre stavano tranquillamente banchettando fuori da palazzo si adempivano straordinarie profezie e il mondo gli crollò addosso in un attimo.
    Sabato sera dopo lo streaming alla sala delle assemblee di Roma organizzata una cena per 280 persone ripeto 280 persone…. e fuori tutto il loro mondo gli si sta sgretolando addosso….
    Ma ditemi Redazione voi che sembra li seguite molto più da vicino, ma qualche domanda se la fanno, cominciano ad essere un pò preoccupati, oppure niente

    • Scusate l’intromissione,
      ma qui stiamo parlando di disposizioni che permettono alla pedofilia di proliferare e vi concentrate su una cena ?

      Ma chissenefrega se hanno mangiato, cosa hanno mangiato o se hanno digerito…

      Cerchiamo di essere seri. Non vi va giù come viene speso il denaro ? Non contribuire. Fine.
      Così sembra quasi che stiamo a rosicare per non essere stati invitati.

      Per essere ascoltati dobbiamo essere credibili, non dimenticatelo.

      Con affetto.

  4. Questo è un segnale fortissimo per tutto il mondo, non dimentichiamo che l’Italia è fra i 5 paesi con il più alto numero di proclamatori al mondo, quello che succede nel nostro paese fa testo per tutto il consorzio mondiale dei TG. Divulghiamo e facciamo che queste informazioni facciano riflettere coloro che dormono il sonno della ragione all’interno delle congregazioni.

  5. Un dato importante che c’è da tenere presente è che l’italia è uno dei 5 paesi con il più alto numero di proclamatori al mondo, quindi quello che accade nel nostro paese fa testo a livello internazionale nel mondo dei TG, se i mezzi d’informazione daranno il giusto risalto aale notizie potrebbero risvegliare le coscienze assopite di tanti poveri e ignari fratelli che non capiscono di essere parte di un’organizzazione che tiene nascosta la verità sugli abusi.

  6. Credo che se va giù l’Italia come organizzazione tdg,per la wacthower sarà un duro colpo, non solo in termini di numero di proclamatori,ma anche in termini di contribuzioni, gli italiani sono molto generosi sotto questo aspetto.

  7. Ragazzi,
    non andrà giù nulla, proprio come la Chiesa Cattolica è ancora in piedi nonostante tutto quello che abbiamo scoperto in questi anni.

    Diverso è sperare che le cose cambino e anche in modo radicale.

  8. Un’organizzazione non si giudica soltanto da quello che dice ma anche dall’atteggiamento che riesce a creare nei suoi aderenti. Il fatto che si dica “noi ripudiamo gli abusi” ma poi nessuno vada a denunciare è un fatto eclatante ma la gravità della schiavitù mentale è altrettanto evidente nelle piccole cose. Per fare un esempio banale, lo “schiavo” dice che ci sono zone d’ombra in cui decidere è una scelta personale, ma se due volte ti presenti in adunanza senza cravatta, allora è sicuro che la volta successiva ti ritrovi in saletta. L’organizzazione che è riuscita a condizionarti anche da una semplice cravatta, in realtà ti ha stretto al collo per tutta la vita.

    • Dalle mie ricerche so che i poteri forti sono loro stessi a smantellare le loro creature al momento in cui non sono più funzionali ai loro interessi. Che la wt sin dall inizio è stata creata da poteri forti è evidente! Bisogna vedere quando la smantelleranno!

  9. Sono pienamente d’accordo con Immacolata per il fatto che i tdg sono dei rovinafamiglie e io ne so qualcosa sulla mia pelle! Le mie figlie hanno interrotti i rapporti con me solo per aver detto che amo Dio yhaveh e suo figlio Gesù ora sono apostata e non si fanno né vedere né sentire. è inutile tentate di far capire loro che non manifestano amore è come parlare al vento!

  10. Le induzioni mentali sono talmente forti che per molti solo l’idea di tagliare il cordone ombelicale li destabilizza. Molti hanno capito tutto ma fare quello che dicono i Mammasantissima li fa sentire protetti al sicuro…. Come un canarino in gabbia…. Certo il canarino può uscire, ma una volta fuori che farà nella giungla di malvaggitá che c’é fuori???? Facendo questo ragionamento il canarino rimane in gabbia sicuro che pranzerà e cenerà a orari cadenzati, con la cravatta o un bel “taiere” che fa sembrare la gabbia un paradiso….

  11. Il resto non conta. Se papà , mamma, il fratellino o la sorellina aprono la gabbietta per farli finalmente volare il troppo ossigeno che in quel momento respirano li procura uno stato embolico che li mette il cervello in corto circuito e invece di dire che sono in Tilt ti dicono che sei apostata….. Un abbraccio

  12. Libera, non dire niente, vivi la tua vita amando, semplicemente AMANDO Dio e il prossimo, prima o poi le tue figlie capiranno che al di là della gabbia c’é ” Tanta roba””

  13. Noto con gioia che ci sono molti nuovi commenti. ROMARIO hai perfettamente ragione. Ma comunque è da capire che uscire dalla caverna per non rientrare Mai più occorre molta determinazione. Se non hsi la spiritualità alta non vi riesci o per lo meno la fatica è molto grande. Ecco perché si notano gli atteggiamenti che dici. Io li capisco in qualche modo riesco ad essere ancora empatico anche se loro usano termini molto dispregiativi. Credimi che oramai ne ho sentite di tutte. Forse non su rendono conto. Stefano disse, Padre perdona loro che non sanno quello che fanno. Amen

  14. Condivido Amorevole Pietro, la cosa che mi fa rabbrividire é che ora piú che in passato molti non studiano piú, si limitano a fare la ” O ” con il bicchiere, e sono convinti che non ci sia altra ragione se non quella propinata dalla WT. Molti non si chiedono piú se quello che stanno leggendo é sostenuto dalle scritture oppure no. Qualche mese fa dissi a un mio amico: ” se le persone in servizio dovessero cominciare a fare domande scritturali profonde ad ogni porta tempo un mese e nessuno uscirebbe piú in servizio perché si renderebbero conto di quanto poco sanno usare il testo sacro” che tristezza….

    • Questo è una di quelle cose che mi ha colpito profondamente.Quando mi dissero che ero poco spirituale e che dovevo studiare di più.Cominciai a studiare.
      Apriti cielo, avevo ripassato tutti i cd rom, oramai più studiavo più mi rendevo conto delle forzature.
      negli anno 70 si studiava una pubblicazione che non ricordo il nome.
      Un articolo che trattava era “Il Serpente di Rame” articolo ripreso circa 20 anni fa poi mai più ritrattato.
      ho ancora vivo in mente come Isdraele col tempo cominciò ad adorare il serpente di Rame posto da Mosè nel deserto.
      Gli anziani ci insegnavano che se in un tempo futuro l’organizzazione si fosse comportata alla stessa maniera significava che aveva perso il Favore di Geova.
      Mi rendevo conto ogni giorno che frequentavo, una totale inadeguatezza nell’insegnamento delle scritture.
      Tenerci sul filo della conoscenza mischiata a molte parole. Proprio come diceva quella pubblicazione vedevo allontanarsi da Geova ed avvicinarsi troppo agli uomini.Non cito le scritture per un solo motivo, credo che oramai i fatti siano sotto i nostri occhi. inutile dire che ho tentato di tutto per ricollegarmi alla congregazione. Ma il rifiuto di Una analisi sincera e scritturale era impossibile.
      io ritengo che ognuno di noi sia come una lampadina, non la puoi mettere sotto il moggio, invece appena si rendono conto che ragioni o che hai una luce propria si spaventano,sgranano gli occhi cambiano espressione. spesso mi sono sentito dire che i miei ragionamenti erano Apostati. Io citavo solo una vecchia pubblicazione.
      Ainoi la maggioranza oggi sottolinea o scarica da internet libricini prestampati preparati in sito o blog con tutte le ricerche. Purtroppo io sono non convenzionale sono fuori norma nessuno mi lega ad una sedia io devo andare da LUI io lo devo vedere gli voglio parlare.
      Devo fare qualcosa di mio e lo farò. Rinrazio veramente chi ha rotto le mie cateratte agli occhi ora comincio a vedere molte cose.
      grazie a Yahweh e a chiunque egli ha usato spero di usare con saggezza la libertà che si desidera. Forti fratelli e coraggio Se Dio è con noi nulla ci fermerà.

      • Bellissimi i vostri ragionamenti…mi fa sorridere appunto che in casi di presunta poca spiritualità o dubbi apostati si incoraggi il fratello a studiare di più…secondo me si sono resi conto anche di quanto alimentano il fuoco della verità in questo modo,quindi ora si punta tutto sulla lealtà.
        All’assemblea Imitiamo Gesù ricordo ancora come pubblicamente l’oratore nel discorso finale ammise che gli “apostati” fanno notare delle mancanze scritturali ma che i Tdg stanno adempiendo Matteo 24:14. Un esempio molto frequente tra testimoni era spesso citato per trovare la vera religione, tra una banconota vera e una falsa che sono i dettagli a fare la differenza, e che appunto quella falsa è anche nociva!
        Fino ad adesso era valido ora chissà…

      • X Amorevole Pietro, forse la pubblicazione che non ricordi era, la verità che conduce alla vita eterna? anche conosciuta come la bomba blù dal colore della copertina.

  15. Dedalo mi è piaciuto molto l’esempio della cravatta! È vero,ti condizionano la vita in tutto persino su una cosa così banale come la cravatta. Ricordo una volta io e mia moglie abbiamo fatto una dimostrazione, era d’estate. Sbadatamente andai sul podio senza giacca….il finimondo ooo! L’anziano che teneva la parte era prima rosso,poi si fece scuro in volto come se avessi commesso chissà quale peccato grave,finii in saletta con due anziani.A parole dicono che non mettono regole e che ognuno è libero di agire,ma in realtà c’è il controllo totale su ogni aspetto della vita.E se provi a rispondere ti dicono che non rispetti l’autorità. Un caro saluto a tutti!

    • È vero Libera, anche da noi facevano storie, colori accesi e sgargianti no. Avevano sempre da ridire sui pantaloni un po’ più stretti, sulle acconciature dei più giovani, e sul papillon, non si poteva usare, solo cravatte. Una volta una sorella mi riprese durante uno studio, davanti alla studente disse che le mie unghie erano mondane e che non mi distinguevano da “quelli del mondo”,e lo fece come se avesse davanti una bambina. Mettevano becco anche sulla forma e lunghezza delle basette. Se in estate qualcuno di domenica andava al mare saltando adunanza e servizio, scattavano le investigazioni e nelle adunanze successive ogni parte dal podio e commento era buono per lanciare frecciatine. Insomma, libertà zero.

  16. …eppure nei paesi caldi, nelle filippine, vanno sul podio esattamente senza giacca. vedete un po i video in streaming del sito jw. questi sarebbero gli anziani maturi a cui chiedere consigli?? che seguono regole e regolette?

  17. Signor Ragionevole,
    Lei forse allude ai paesi caldi 12 mesi all anno vero?
    Sarebbe piu consono vero se in occidente con 40 gradi all ombra ci si puo permettere di non usare la cravatta .
    Sarebbe la gioia di tutti i giovani se cio fosse permesso anche solo du pensarlo.
    Tutto Cio e una pia illusione. Percio non difenda l indifendibile, perche nel nostro blog c’e gente Che ha girato il mondo come missionari,e da du quello Che scrive!

  18. ….imporre regole reca danno. Qui in Italia si sentono ancora notizie di anziani che impongono il colore della camicia, cravatta d’estate, pantaloni eleganti da donna NO (quando invece nel mondo del lavoro sono comuni), ecc ecc. , università NO, però poi si utilizzano le competenze dei TdG che hanno studiato all’università ( atteggiamento che ritengo ipocrita) ecc ecc ecc. giustamente poi i non-credenti definiscono alcuni cristiani come fondamentalisti .

  19. Ma penso che Ragionevole non li difendesse, anzi scrive che queste regole rigorose tanto da sfidare l’elasticità che suggerisce il più elementare buon senso, poi alla prova dei fatti si palesano per quel che sono, pura forma, tanto che non sono nemmeno universali perché altrove si dispone diversamente, ridicolizzando di fatto la pretesa che certe regole siano indiscutibili e che indossare la giacca e la cravatta sia esposto alle variabili ambientali o contestuali. Se ho ben inteso, quantomeno.

  20. Portare la cravatta, pantaloni troppo stretti,gonna troppo corta gonna troppo lunga capelli troppo spettinati, gel, basette troppo lunghe baffi,pizzetto, ecc..è solo un modo per controllare la mente, e ce lo ricordano ogni video di Lele e Sofia con la farfalla monarca in bella vista simbolo del controllo mentale associato al microchip del numero della bestia 666 …
    Quindi o aprite gli occhi o fatevi controllare da Satana alias WT

Leave a Reply