Il giorno della resa

Fonte: http://www.smh.com.au (giornale on-line australiano)

Link alla notizia: http://www.smh.com.au/nsw/jehovahs-witness-sex-abuse-response-deficient-royal-commission-20150731-gioy2c.html

Secondo la notizia riportata da questo giornale, un esperto del settore assunto dai Testimoni di Geova per questo caso, pur rivendicando le loro migliori intenzioni e i loro sforzi, ha ammesso alcune serie mancanze nella gestione dei casi di abusi sui minori da parte dei Testimoni di Geova.

Segue prima l´articolo integrale in inglese e piú sotto una traduzione indicativa in italiano

le parentesi quadre [ ] indicano parole che aiutano a comprendere il testo in italiano

TESTO INGLESE

A sexual abuse expert hired by the Jehovah’s Witness Church told a royal commission the organisation failed to meet acceptable standards in its approach to child abuse allegations.

Under cross-examination, Monica Applewhite told the Royal Commission into Institutional Responses to Child Sexual Abuse the Jehovah’s Witness Church did not meet “best practice” in handling abuse claims.

Counsel assisting the commission Angus Stewart SC asked the church’s expert witness whether structures based on biblical scriptures were in line with benchmark standards.

The church’s policies for responding to child sexual abuse allegations were “deficient when measured against current best practice,” he said.

“Does it meet all current best practices? It probably doesn’t,” Dr Applewhite replied.

The commission has previously heard evidence that under church structures, victims must face their abuser before a committee of male elders without a support person present.

Commission chairman Justice Peter McClellan asked Dr Applewhite: “The girl or woman would have to confront ultimately three men in the presence of the abuser and without moral support. Now is that a good practice?”

“Absolutely not,” Dr Applewhite replied.

She acknowledged in evidence that the Jehovah’s Witness Church requirement for two witnesses to give testimony against an abuser was problematic in the case of child abuse in which the two witnesses were likely to be the victim and the offender.

“Because there is not another witness, her allegation is not accepted … do you see that might have real difficulties for the survivor?,” Justice McClellan asked.

“Absolutely,” Dr Applewhite replied.

In her statement, tendered to the commission, the American consultant wrote that in her opinion the practices of the Jehovah’s Witness Church were superior to those of other religious groups.

“The current messages to those who have experienced abuse and the guidelines that have been provided to elders in congregations of Jehovah’s Witnesses are consistent with and, in some respects, better than the current practices of religious organisations throughout the world,” she wrote.

Dr Applewhite’s statement also praised Jehovah’s Witness Church publications about child abuse.

“Jehovah’s Witnesses excel in providing such educational materials to parents and family members, and the substance of their materials concerning child abuse is exceptionally clear and helpful,” she wrote.

Justice McClellan said before the commission he believed the Jehovah’s Witness Church structures for investigating sexual abuse claims were flawed.

“I don’t know of any other religious organisation which … has the processes with the flaws we have identified in the Jehovah’s Witnesses,” he said.

The commission expects to hear more evidence about how the processes have evolved when it resumes on August 3.

Kids Helpline 1800 551 800

Adults Surviving Child Abuse 1300 657 380

TESTO ITALIANO

Un esperto di materia sugli abusi sessuali assunto dalla Congregazione dei Testimone di Geova ha detto a  una commissione Reale che “l’organizzazione[dei Testimoni di Geova] non è riuscita a soddisfare standard accettabili nel suo approccio alle accuse di abusi sui minori”.

Sotto interrogatorio, Monica Applewhite ha detto alla Commissione Reale incaricata di una Risposta Istituzionale in relazione agli abusi sessuali su minori che la Congregazione dei Testimone Geova non ha soddisfatto “le linee guida migliori” nella gestione delle denunce degli abusi sui minori.

L´assistente del Consigliere della Commissione Angus Stewart SC ha chiesto all´esperto della Congregazione dei Testimoni di Geova se le loro strutture basate sulle scritture bibliche [i comitati giudiziari n.d.r] erano in linea con gli [attuali] standard di riferimento [nel caso di abusi sui minori n.d.r.]

Le politiche adottate dalla Congregazione per far fronte alle accuse di abusi sessuali dei bambini erano “carenti se paragonate alle migliori pratiche attuali,” ha detto.

“Se raggiungono il livello delle migliori pratiche attuali? Probabilmente no, non lo raggiungono», ha risposto il dottor Applewhite.

La commissione aveva già sentito precedentemente le prova che sotto le strutture della Congregazione, le vittime devono affrontare il loro aggressore davanti ad una commissione di anziani di sesso maschile, senza una persona di sostegno [al minore] presente.

Il Presidente della Commissione di Giustizia Peter McClellan ha chiesto al Dr Applewhite: “La ragazza o la donna avrebbe dovuto confrontarsi in definitiva con tre uomini alla presenza di chi la ha abusata, e questo senza sostegno morale [di una persona di sostegno]. Le sembra una cosa giusta?”

«Assolutamente no», ha risposto il dottor Applewhite.

Il dottore Applewhite ha riconosciuto l evidenza che l´obbligo nei Testimoni di Geova di richiedere che due testimoni vadano a testimoniare contro un aggressore é problematica nel caso di abusi sui minori, dato che in quel caso gli unici du testimoni sono la vittima e l´autore del reato.

“Dato che non c’è un altro testimone, l´accusa non viene accettata … lei vede delle reali difficoltá a uscirne pulito” ha chiesto il Giudice McClellan.

“Assolutamente [no]”, ha risposto il dottor Applewhite.

Nella sua dichiarazione date alla commissione, il consulente dei Testimoni di Geova ha scritto che a suo avviso le pratiche della Chiesa Testimoni di Geova erano superiori a quelli di altri gruppi religiosi.

“Il messaggio in relazione a color che hanno subito abusi e le linee guida che sono stati forniti agli anziani nelle congregazioni dei testimoni di Geova sono paragonabili con e, per certi aspetti, meglio delle pratiche delle organizzazioni religiose in tutto il mondo”, ha scritto.

Nella sua dichiarazione il dottor Applewhite ha anche elogiato le pubblicazioni dei Testimoni di Geova circa gli abusi sui minori.

“I Testimoni di Geova eccellono nella fornitura di tali materiali didattici per genitori e familiari, e la sostanza dei loro materiali riguardanti la pedofilia è eccezionalmente chiara e utile”, ha scritto.

Il Giudice McClellan ha detto prima della Commissione che lui crede che la struttura dei Testimoni di Geova per indagare le denunce di abusi sessuali é difettosa.

“Non so di nessuna altra organizzazione religiosa  che ha i processi [comitati giudiziari] con difetti simili a quelli che abbiamo riscontrato nei Testimoni di Geova”, ha detto il Giudice.

La commissione attende di sentire altre prove di come i processi [dei Testimoni di Geova] si sono svolti quando riprende i lavori il 3 agosto.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.