LA PRIMA FALLA

falla

Tempi duri per il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova. Circa un anno fa c´è stata la “resa senza condizioni” della Filiale Australiana alla Commissione di Inchiesta del Parlamento Australiano. Infatti il Comitato di Filiale ha consegnato alla Commissione tutte le circolari, i libri per gli anziani, sorveglianti, reparto servizio, persino il libro dei Comitati del Corpo Direttivo. Questa “resa senza condizioni” ha dato il via alla più grossa fuga di informazioni della storia dei TdG. Il Comitato di Filiale Australiano dovette ammetter che nelle sue registrazioni erano riportati i casi oltre 1.000 abusatori di bambini all’ interno della comunitá dei Testimoni di Geova Australiani negli ultimi decenni. I risultati sono stati esplosivi a livello mondiale, bloccando di fatto la crescita del numero dei TdG in tutto il mondo.

Il secondo schiaffo al Corpo Direttivo venne dalla stessa Sede Mondiale di Paterson un paio di mesi dopo. Poche ore dopo che il Comitato degli Scrittori aveva messo a punto “le novità” per l’adunanza Annuale di ottobre, quel documento era già online in tutto il mondo. Con quasi un mese di anticipo sugli stessi anziani di congregazione, tutto il mondo era a conoscenza dei “piani segretissimi” della Watchtower. Fu un colpo tremendo alla fiducia dei più stretti collaboratori del Corpo Direttivo, gli unici ad avere per le mani quel documento.

Il terzo pesante schiaffo al Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova venne qualche mese fa, quando dall’interno di una Filiale del Centro-America vennero pubblicati i testi originali della Scuola degli Anziani, delle due prossime Assemblee, Scuole dei Pionieri, SKE e tantissimo materiale “confidenziale”.

Comunque, finora, si trattava di gruppi di “dissidenti” in posti di grande responsabilità che agivano come “sabotatori” per far mancare la terra sotto ai piedi ai “piani alti”.

Sembra ora che qualcosa di molto più grosso stia accadendo. Non un gruppo di dissidenti, nemmeno una Filiale, ma gli anziani di una intera nazione si stanno rivoltando contro “gli ordini” del Corpo Direttivo. Questo inizia ad accadere in Nigeria.

Per farla semplice, moltissimi anziani e sorveglianti viaggianti della Nigeria, non si sa esattamente quanti, hanno dato le password di accesso del sito jw.org a non-testimoni. Cosa sono le password di accesso? Pochi testimoni di Geova sanno che il sito jw.org è molto più di quello che sembra. Se si mette la password corretta nella sessione “accedi”, si apre un mondo sconosciuto. Da quella porta si accede a tutte le “carte segrete” in possesso della Watchtower. Congregazioni, Circoscrizioni, Filiali, Comitati di Costruzione, Comitati Sanitari, tutto quello che è sotto la Watchtower viene diretto dal “lato nascosto” di JW.ORG.

Si comprende bene che i diritti di accesso al “lato nascosto” di JW.ORG, se dati in mano a giornalisti o forze dell’ordine possono creare un vero terremoto all’interno della Watchtower. Per questo motivo il Corpo Direttivo ha mandato una “lettera di fuoco” a tutte le congregazioni della Nigeria, chiamando “nemici della verità” coloro che hanno avuto accesso al materiale di JW.ORG in maniera “illegale”. I toni della lettera sono davvero accesi, ma ormai il danno è fatto. Ancora non si sa chi ha avuto accesso al materiale “confidenziale”. Il terrore del Corpo Direttivo è che vi abbiano letto giornalisti e magistrati. Va ricordato infatti che nelle caselle postali elettroniche di JW.ORG non si spediscono solo le lettere circolari, ma anche lettere private, resoconti di casi giudiziari come quelli su abuso sui minori e cose simili. Materiale che può avere risvolti penali.

In aggiunta a questo, voci sul campo raccontano che i Testimoni di Geova della Nigeria non hanno preso per niente bene le direttive fondamentaliste della Assemblea di Zona del 2016. Gli africani sono legati da fortissimi legami familiari, e l’idea di non rispondere nemmeno ad una telefonata di un figlio disassociato ha creato un generale “vaff…” a chi imponeva questo modo di comportarsi.

Altri fratelli locali hanno mal digerito i video sulle nuove costruzioni negli USA e negli UK. Si sono chiesti come mai negli USA per i Beteliti si usano appartamenti extralusso di svariati milioni di dollari, e in Africa si costruisce con mattoni e legno. Come dargli torto?

In poche parole, la Nigeria dei TdG è in ebollizione. Cosa accadrà a breve? Non lo sappiamo. Sappiamo solo che molti anziani del posto iniziano a non starci più a questo gioco. E se gli anziani si ribellano, le Betel tremano. Si sta creando la prima grande “falla” nelle mura della “Torre”.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.