Le aspettative sul 1975

La pubblicazione dell’articolo “Revirgination” ha riportato alla ribalta un argomento scottante che la Società Torre di Guardia, e comunque tutti i Testimoni di Geova di vecchia data, vorrebbe far cadere nel dimenticatoio. Ci riferiamo proprio a “lui”, al famigerato anno 1975, atteso con ansia da tutti i Testimoni di Geova di quel tempo. Nei commenti del succitato articolo, una lettrice chiedeva su quale base avessero riposto le loro aspettative.

Oggi vorremmo fornire una risposta argomentando poco e citando esclusivamente la Torre di Guardia del 15/09/1968 (da pag. 559-562 par. 4-8) : “Secondo la fidata cronologia biblica, Adamo fu creato nell’anno 4026 a.E.V., probabilmente nell’autunno,  alla fine del sesto giorno della creazione. Quindi Dio condusse gli animali all’uomo perché desse loro un nome. Tuttavia, di Adamo, Genesi dice queste parole di Geova: ‘Non è bene che l’uomo stia solo” (Gen. 2:18). Adamo avrebbe avvertito molto presto questa condizione di solitudine, forse in soli pochi giorni o poche settimane. Si sarebbe reso conto di aver bisogno di un’altra creatura terrena con cui poter comunicare, con cui dividere le sue esperienze, e la sua vita. Nel dare il nome agli animali avrebbe impiegato un tempo eccessivamente lungo. Le fondamentali specie animali avrebbero potuto ricevere il nome relativamente in fretta, poiché quando tali specie fondamentali furono condotte nell’arca al giorno di Noè, non ci furono milioni di bestie, ma forse solo alcune centinaia di specie fondamentali. Pertanto, Adamo avrebbe impiegato solo breve tempo dopo la sua creazione a dare il nome agli animali e a rendersi conto di aver bisogno di una compagna. Poiché era anche proposito di Geova che l’uomo si moltiplicasse ed empisse la terra, è logico che creasse Eva subito dopo Adamo, forse soltanto alcune settimane o mesi dopo in quello stesso anno, 4026 a.E.V. Dopo la creazione di lei, il giorno di riposo di Dio, il settimo periodo, seguì immediatamente. Perciò, il settimo giorno di Dio e  il tempo da cui l’uomo è sulla terra trascorrono evidentemente paralleli. Per calcolare a che punto si trova l’uomo nel corso del tempo rispetto al settimo giorno di 7000 anni di Dio, dobbiamo determinare quanto tempo è passato dall’anno della creazione di Adamo ed Eva nel 4026 a.E.V. Dall’autunno di quell’anno all’autunno dell’1 a.E.V., ci sarebbero 4025 anni. Dall’autunno dell’1 a.E.V. all’autunno dell’1 E.V.c’è un anno (l’anno zero non c’era). Dall’autunno dell’1 E.V. all’autunno del 1967 ci sono in tutto 1966 anni. Sommando 4025 e 1 e 1966, otteniamo 5992 anni dall’autunno del 4026 a.E.V. all’autunno del 1967. Così mancano otto anni agli interi 6000 anni del settimo giorno. Otto anni dall’autunno del 1967 ci porterebbe all’autunno del 1975, 6000 anni interi del settimo giorno di Dio, il suo giorno di riposo. Dopo 6000 anni di miseria, fatica, afflizione, malattia e morte sotto il dominio di Satana, il genere umano ha davvero grande bisogno di sollievo, di riposo. Il settimo giorno della settimana giudaica, il sabato, ben raffigurerebbe i finali 1000 anni di dominio del regno di Dio sotto Cristoforo quando il genere umano sarebbe stato liberato da 6000 anni di peccato e  morte. (Riv. 20:6) Quindi i cristiani, allorché notano dal calcolo del tempo di Dio che si avvicina la fine di 6000 anni di storia umana, sono pieni di aspettativa. Questo avviene particolarmente perché il grande segno degli ‘ultimi giorni’ è in via di adempimento dall’inizio del ‘tempo della fine’ nel 1914. E, come disse Gesù, “questa generazione non passerà affatto finché tutte queste cose non siano avvenute”. (Matt. 24:34). Alcuni della generazione che capirono il principio del tempo della fine nel 1914 saranno ancora vivi sulla terra per assistere alla fine di questo presente sistema di cose malvagio nella battaglia di Armaghedon (Riv. 16:14, 16). L’immediato futuro sarà per certo pieno di avvenimenti culminanti, poiché questo vecchio sistema si avvicina alla sua fine completa.  Tra pochi anni al massimo le parti finali della profezia biblica relativa a questi “ultimi giorni ” si adempiranno, e come risultato ci sarà la liberazione dei superstiti del genere umano che entreranno nel glorioso regno millenario di Cristo. Che giorni difficili, ma, nello stesso tempo, che giorni meravigliosi abbiamo davanti ! Significa questo che l’anno 1975 recherà la battaglia di Armaghedon? Nessuno può dire con certezza ciò che recherà qualsiasi particolare anno. Gesù disse: “In quanto a quel giorno o a quell’ora nessuno sa” (Mar. 13:32). Ai servitori di Dio basta sapere con certezza che, per questo sistema sotto Satana, il tempo sta rapidamente per scadere. Che stoltezza non rendersi conto e non vigilare a motivo del  limitato tempo che rimane, degli sconvolgenti avvenimenti che presto si verificheranno, e del bisogno di operare per la propria salvezza! ” fine citazione.

Dopo che il 1975 passò senza che si verificasse nulla di ciò che attendevano, con la Torre di Guardia nel 1976 in data 15 marzo, a pag. 163, si pensò di allungare un pò i tempi.

Infatti se nella rivista del 1968 si definiva breve il tempo intercorso fra la creazione di Adamo e quella di Eva, forse soltanto alcune settimane o mesi dopo“,  ora si leggeva : “Ebbene, il racconto biblico mostra che le creazioni di Dio nel ‘giorno’ immediatamente precedente il ‘giorno di riposo ‘ di 7000 anni non terminarono con la creazione di Adamo. Mostra che ci fu un lasso di tempo tra la creazione di Adamo e quella di sua moglie Eva. In quel tempo, Dio fece dare da Adamo un nome agli animali. Se si trattasse di un periodo di settimane o mesi o anni, non lo sappiamo“. Oltre a ciò, sempre la Torre di Guardia 15/09/1968 dichiarava che “Adamo avrebbe avvertito molto presto questa condizione di solitudine, forse in soli pochi giorni o poche settimane“. Anche qui la Torre di Guardia del 1/08/1989 cambia le carte in tavola, dichiarando a pag. 14 par. 19, al sottotitolo Solo, ma per nulla infelice“: Per quanto riguardava la sua specie, la specie umana, era solo. Ma non cominciò ad andare in cerca di un suo simile per avere una compagnia terrena. Non chiese a Dio, il suo Padre celeste, di dargli un fratello o una sorella. “Quindi, per quanto riguarda il tempo intercorso fra la creazione di Adamo e quella di Eva, i tempi si allungano ancora di più. La stessa rivista, a pag. 16 dichiara: “È probabile che Adamo si sia preso il tempo di studiare ciascun animale, osservandone le abitudini caratteristiche e la costituzione così da dargli poi un nome particolarmente adatto.  Questo potrebbe significare un notevole periodo di tempo. “ E ancora a pag. 18, par. 10 : “Le parole che Adamo pronunciò quando gli fu presentata la donna perfetta come suo aiuto e complemento esprimeva completa soddisfazione: ‘Questa è finalmente osso delle mie ossa e carne della mia carne’. Ciò che disse quando infine vide sua moglie appena creata potrebbe suggerire che egli  dovette aspettare un bel pò prima di ricevere la sua meravigliosa compagna. “.

A questo punto, non ci sembra il caso di aggiungere altro. Ma possiamo tranquillamente affermare che le aspettative erano palesemente “sussurrate” dalla stesse riviste. Chi poi ha vissuto quegli anni sa benissimo che durante i discorsi fatti nelle Assemblee o nelle Sale del Regno si dava molto risalto a questo aspetto: Comunque ognuno è libero di trarre le proprie conclusioni!!

PS: Abbiamo fatto solamente alcuni esempi, ma le riviste Torre di Guardia e Svegliatevi sono colme di articoletti inneggianti il 1975. Per chi volesse approfondire clicchi qui

6 Commenti

  1. Mi sono battezzata proprio l’anno prima del fatidico 1975 e quindi ho vissuto tutta l’atmosfera che regnava allora. Ricordo molto bene che il senso di aspettativa era molto forte…eravamo persino incoraggiati a mettere da parte delle scorte alimentari in vista della grande tribolazione. Condivido il pensiero che la nuova generazione di TdG di tutto questo non ne sappia nulla…anzi, meno se parla e meglio è.

    • confermo in toto ciò che hai scritto, io mi sono battezzato nel 1989 e NESSUNO mi disse niente di quel flop…solo grazie ad internet lo venni a sapere e quando chiesi delucidazioni le risposte furono lacunose e alquanto “variopinte”, fra cui qualcuno disse che alcuni non ebbero equilibrio nel scegliere cosa fare…EVIDENTEMENTE le cose dette furono solo proclami umani da parte dei vertici che poi scaltramente riuscì a far passare l’idea che ALTRI trassero conclusioni errate. COME DEFINIRESTE QUESTO TIPO DI COMPORTAMENTO DA PARTE DI CHE SI DICE L’UNICO PORTAVOCE DI DIO?

  2. Leggendo l’articolo direi che l’aspettativa era molto più che “sussurrata” e i discorsi che venivano pronunciati in quel tempo erano anche più espliciti. Hanno provato ad attuare la rimozione storica ma internet non dimentica. 🙂

  3. Un po’ di mesi fa un mio familiare mi parlò di questo avvenimento . Molti rimasero delusi perché non avenne ciò e come dargli torto!inoltre questo ha portato alcuni a non credere nelle profezie . bibliche.

  4. Non posso che confermare, mia madre venne a conoscenza di questa religione proprio in quel periodo, gli adepti sembravano affetti da una psicosi di massa, e 1975 era ampiamente pubblicizzato nelle loro riviste, nei discorsi dal pulpito praticamente sempre.

Leave a Reply