L´inchiesta di Spotlight Italia

 

spot 2

“POTEVO ESSERE IO, POTEVI ESSERE TU, POTEVA ESSERE CHIUNQUE”

Cosa è il “Caso Spotlight”? Spotlight è il nome di un gruppo di giornalisti che svolgevano indagini investigative presso il giornale americano “Boston Globe”. Nel 2001 la squadra giornalistica “spotlight” del Boston Globe, guidata dal neo-direttore Marty Baron, inizia una clamorosa indagine che svela gli abusi sessuali perpetrati da oltre 70 sacerdoti dell’Arcidiocesi di Boston ai danni di minori; abusi che poi sono stati insabbiati dall’autorità ecclesiastica. Consapevoli dei rischi cui vanno incontro, mettendosi contro un’istituzione come la Chiesa cattolica, Marty Baron e Ben Bradlee Jr., più i quattro membri della squadra investigativa del giornale: Walter Robinson, Mike Rezendes, Sacha Pfeiffer e Matt Carroll, sono determinati più che mai a portare la verità alla luce. Col tempo questa squadra giornalistica ha prodotto circa 600 articoli su questo argomento. Questi articoli hanno permesso che circa 150 preti venissero arrestati, ha portato alle dimissioni l´arcivescovo di Boston, e ha dato il via ad indagini giornalistiche in circa 200 paesi. Per i meriti acquisiti con questa indagine, la squadra “Spotlight” viene insignita del premio Pulitzer, il più alto riconoscimento a livello mondiale che si possa dare ad un giornalista. La storia del team Spotlight ha talmente segnato la storia recente, che in loro onore e per rendere pubblico lo scandalo della pedofilia nella religione, é stato realizzato un film intitolato: “Il caso Spotlight”.

Cosa c´entra il caso Spotlight con Geova.ORG? I titoli di coda del film rendono evidente come tra i 200 paesi dove sono state condotte inchieste sugli abusi sessuali all´interno della religione, non risulta l´Italia. Noi di Geova.ORG vogliamo colmare quel vuoto. Abbiamo quindi deciso di effettuare e rendere pubblica una indagine approfondita sul problema degli abusi sui minori all´interno della religione che conosciamo meglio: I Testimoni di Geova, sperando che altri facciano lo stesso all´interno delle rispettive religioni di appartenenza. Noi di Geova.ORG sognamo uno Spotlight Cattolico, uno Spotilight Evangelico, e via discorrendo.

La nostra indagine trae spunto dal fantastico lavoro svolto da Angus Stewart, avvocato sudafricano. Il signor Stewart é stato assistente del Presidente della Commisione Reale Australiana creata appositamente per indagare i casi di abusi sui minori nelle istituzioni australiane. Una di queste istituzioni australiane é la Watchtower Bible and Tract Society of Australia, ossia i Testimoni di Geova Australiana. È da questo specifico punto che parte la nostra indagine. Buona lettura.

(1) Australian Gate

(2) I libri del Diavolo

(3) Il caso Fenice

(4) Il tentativo fallito

(5) Benvenuti all´inferno

(6) Le due comunitá

(7) I giochi del Diavolo

(8) Io non ci sono mai stato, non ho mai visto, non ho mai saputo

(9) x-files

(10) Negare, negare, negare

 

 

24 Commenti

  1. Buongiorno cara redazione e mi riferisco soprattutto a Teofilo .vorrei capire ma come funziona ora visto che avete avviato un lavoro certosino e molto importante, per renderlo di fama nazionale come i fatti dell’Australia aspettiamo che le testate giornalistiche serie si facciano avanti ? O è a cura della redazione portare visibilità affinché i porci in Italia vengono processati?
    Grazie e buona giornata.

    • Alcune testate giornalistiche a organismi per la difesa dei diritti umani sono venuti a conoscenza di queste informazioni e le utilizzeranno, anche se non sappiamo fino a che punto. Certo, se i nostri lettori vorranno segnalare questo materiale al mondo giornalistico, sarebbe una gran cosa.

  2. Redazione,io ho già espresso pensieri di condanna e di sdegno verso certe politiche discriminatorie e fallaci della WTS, quindi non vengo su questo blog per infiammare gli animi ma solo per comunicare quanto sia vicino a determinate vostre riflessioni e conclusioni, pur rimanendo un testimone di Geova attivo. Solo ammetto che leggendo molto materiale di questo blog fatico a ricostruire nella mia mente i tasselli che hanno portato alla nascita di tutto questo. Confesso che non capisco chi siete, da quanto tempo avete intrapreso questo cammino parallelo ma non allineato alla Wt, insomma la vostra storia come gruppo. Leggevo in un altro post che una volta Teofilo era un difensore strenuo del CD ma ora non più. È sempre stato la stessa persona o uno pseudonimo dietro al quale operano più persone? Quando avrebbe espresso il parere che il CD era stato Vomitato? Io veramente non riesco a raccapezzarmi perché non so darvi un’origine ne’ collocarvi in un certo contesto storico watchtoweriano. Vi prego spiegatemi, non sono duro ma solo assetato di conoscenza. Perdonate la mia ignoranza.

    • @Matteo, il 1°agosto 2015, in questo sito è stato scritto un articolo intitolato: “Vomitato”. Nella finestra: “Cerca gli articoli più vecchi”, scrivi: “Vomitato”, e trovi l’articolo. Buona lettura.
      Cordialità

      • Grazie vigilante ho letto. Devo dire che la vostra risolutezza e, permettetemi il termine, sfrontatezza mi ha sconquassato. Da mesi mi chiedo se veramente questo è un segno della disapprovazione e di Geova o se fa tutto parte del suo proposito, che nella parte finale degli ultimi giorni avrebbe portato la persecuzione su vasta scala, anche in paesi da sempre immuni. Da molto tempo gli anziani calcano la mano su questo nei loro discorsi, addirittura due o tre anni fa in un’assemblea di distretto venne fatto un dramma incentrato su questo. Ora, siccome gli anziani esposgono non di loro sana pianta ma vengono imboccati dal CD, mi viene un dubbio amletico: è lo spirito santo che sta guidando le cose oppure questa specie di catastrofismo preventivo è a ragion veduta, ovvero qualcuno ha capito che Armaghedon o non Armaghedon tra poco si dovrà combattere una vera e propria guerra dove stavolta non saremo le solite vittime?

      • (Matteo 18:6) …[Gesù disse] … Ma chiunque fa del male a uno di questi piccoli che ripongono fede in me, sarebbe più utile per lui che gli si appendesse al collo una macina da mulino come quella che viene fatta girare da un asino e che fosse affondato nell’ampio e aperto mare…

        Tanto per restare in tema dell´articolo, chiunque fa del male ad un “piccolo” o collabora in qualche modo con chi fa del male ad un “piccolo”, Gesù gli ha giá detto cosa dovrebbe fare … attaccarsi una pietra al collo e buttarsi nel mare …Questi non hanno bisogno di Armaghedon, sono gia stati fatti fuori prima (salvo perdono da parte di Yah il Misericordioso). Per questo motivo nessuna organizzazione che tollera al suo interno i pedofili ha nulla a che spartire con Dio.

      • Come si spiega che nella Bibbia specie antico testamento, almeno mi sembra, che il problema Pedofilia non viene mai menzionato?

      • Una volta esisteva la morale, e certe cose erano date per scontate. Oggi non più. Comunque il termine “cane” nel linguaggio biblico ha stretta attinenza con questo problema.

  3. ..e nel frattempo il CD, per combattere la pedofilia nelle congregazioni e nel mondo, trova utile rilanciare la sua campagna isterica mondiale contro i pantaloni aderenti come ci ricorderà la W per lo studio di giugno prossimo. Queste sì che sono perle di saggezza biblica che istruiscono adeguatamente la “fratellanza”!…. Al quartier generale WTS assicurano che tale campagna è buona anche per risolvere la crisi occupazionale….La cosa sta assumendo toni da fisima psicotica: evidentemente qualche membro del (non più esclusivo) “canale di Geova” deve avere incubi notturni con questo tipo di abbigliamento.
    Volete far prendere un colpo ad Anthony Morris III? Nascondetegli nell’armadio un paio di pantaloni stretti stretti. La mattina quando si alza e apre l’imposta per vestirsi succede che…. a Patterson queste sono preoccupazioni altrochè!
    “Cibo” di alta cucina “spirituale” viene distribuito dal catering JW.ORG.

    Uomo con la Lanterna

  4. Ricordo una sorella che aveva un cane molto aggressivo che spesso riusciva ad uscire fuori dal suo seminato. Più volte gli venne detto di fare in modo che non potesse scappare, ma lei rispondeva sempre con aria arrogante dicendo che nessuno doveva dirgli come si sarebbe dovuta comportare. Un giorno un’altra sorella passava per quella strada mentre stringeva il suo bambino, anche stavolta quel cane era riuscito a scappare, lei fece di tutto per proteggere il suo piccolo ma non c’era modo di poterlo fermare. Sono sopravvissuti entrambi per oltre un mese in ospedale. Mi dicevano che i medici non capivano perché quella madre non li volesse denunciare. Il cane non fu soppresso. Mi disgustai quando qualche tempo dopo quella sorella accarezzava il suo cane mentre diceva non sono riusciti a farti del male. Non credo sia giusto uccidere un cane quando ha più colpe il suo padrone. Non si può sopprimere un pedofilo, ma abbia almeno la decenza di chiedere scusa chi non ha impedito che si facesse tutto quel male.

  5. Avete svolto un lavoro eccellente, meritate la gratitudine di tante povere vittime che non hanno mai avuto voce, ma ora quello che avete iniziato potrebbe innescare una reazione a catena che è quello che tutti ci auguriamo; una scintilla che diventi un incendio.

    • Difficile non darvi attenzione dopo una inchiesta di questa portata. Avete perforato il muro di gomma in Italia. Ora tutti possono spiarci dentro capendo quello che vedono. un risultato enorme

      • Adele
        Ho visto ieri il film Spotligt con mio marito.
        Non ci sono parole.
        Ci siamo guardati intorno, nella sala del cinema. Poche erano le persone, ma alla fine il “silenzio” si poteva tagliare con le mani. Abbiamo riflettuto su una cosa: Se il film fosse visto dai tg della mia congregazione, quanti farebbero un collegamento fra, religione cattolica, quella indagata nel film e l’organizzazione dei TG?
        E’ solo una riflessione che mi fa pensare alla poca apertura mentale di chi si sente al sicuro, mentre tutti gli altri sono i colpevoli.
        Come vorrei sbagliarmi!!!!
        Adele

      • Siamo d´accordo con te. Quel film lo dovrebbero vedere tutti, per poi guardarsi allo specchio e vedere cosa volevano farci diventare… ringraziamo Dio che qualcuno ha saputo dire di no.

Leave a Reply