Marito di una sola moglie?

Tra le caratteristiche che un Sorvegliante cristiano doveva soddisfare nella primitiva congregazione cristiana,  molte traduzioni leggono in 1 Timoteo 3:2: “marito di una sola moglie”. Questa traduzione é corretta?

Letteralmente il versetto dice: μιᾶς γυναικὸς ἄνδρα ossia – MIAS GYNAIKOS ANDRA – o “di una donna marito“. Come andrebbe tradotto correttamente questo versetto?

Ricordiamo che le caratteristiche del Sorvegliante cristiani erano tali da farlo spiccare rispetto agli altri fratelli in quanto a spiritualitá e devozione. Dire che un cristiano doveva essere sposato a SOLO UNA DONNA ALLA VOLTA, e quindi non poligamo, equivaleva a dire una cosa ovvia e con poco senso. Infatti TUTTI I CRISTIANI, per essere tali, dovevano essere sposati con solo una donna alla volta, non solo i Sorveglianti. La poligamia era assolutamente vietata nella congregazione del primo secolo.

In che  senso, allora, i Sorveglianti cristiani dovevano essere “di una donna marito”? L´unico modo per dare un senso compiuto a questa frase COME REQUISITO é che i Sorveglianti cristiani dovevano essere stati mariti SOLO DI UNA DONNA in senso assoluto, nel senso di SPOSATI SOLO UNA VOLTA.

Infatti, molte traduzioni, come la CEI o la Bibbia di Gerusalemme traducono “sposato una volta sola” o “non sposato che una volta sola”.  Questa traduzione piú accurata rende il senso del “requisito”. Tutti i cristiani, prima di divenire tali, potevano aver contratto altri matrimoni ma potevano ugualmente essere parte della congregazione. Viceversa ci si aspettava che i Sorveglianti avessero avuto nella loro vita solo un matrimonio o una sola donna.

Questo dettaglio conferma come l´idea che il matrimonio unico o solo con una donna era un aspetto importante nella primitiva congregazione cristiana.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.