Riflessioni sul treno

RIFLESSIONI SUL TRENO

Posted by Teofilo Dipatmos on Saturday, April 29, 2017

27 Commenti

  1. Le squadre di soccorso esistono per la stessa ragione per la quale sono state preposte.
    Testimoniano la cura che Dio ha per i suoi figli ed e’ la dimostrazione di come la sua creazione, sia stata fatta a Sua immagine.

    E’ bello poter testimoniare tutto questo ed esssere testimoni di tutto questo.
    Oggi cose profonde sono state rivelate.
    Possa lo spirito santo continuare a benedire e proteggere questa santa opera.

  2. Ciao Carlos,

    Ottimo discorso. Mi sembra di capire che per la prossima convention intendi dire che è arrivato il momento di dare una svolta !
    Mi sembra ci fosse una donna curiosa alle tue spalle.. Ti hanno fatto domande ?

  3. Sei molto coraggioso Teo, almeno per me sei un grande esempio di coerenza e di coraggio. Nel video si evince quanto ami Iah e gli esseri umani, hai risposto coi fatti e senza e senza tanti fronzoli all’incarico che Dio Ti ha affidato sotto la guida del nostro Signore e Re Ieosus. Non sei solo, i tuoi amici e fratelli sono con te e per noi questo video è una conferma che abbiamo trovato il messaggero che ci aiuterà a passare attraverso le acque, proprio come fece Mosè, e il tuo esempio è uno sprone per tutti noi.
    Grazie e avanti tutta come un treno, che Iah ti benedica e che bedica tutti coloro che decideranno di scavare il tunnel insieme a te.

  4. Buongiorno a voi.. Vi leggo da poco, e sto cercando di capire questo blog. Avrei alcune domande, come mai Gesù lo chiamate Ieosus?.. Il nome di Dio, come lo pronunciate? I libri di Teofilo si possono trovare qui online?… Ho letto qualcosa qui riguardo alle profezie.. Sono un pochino confusa. Vi ringrazio in anticipo. Buona giornata.

    • Buongiorno Anonimainattiva, abbiamo preferito mantenere tutti i nomi riportati nelle scritture nella forma originale. Per quanto riguarda le tue domande su Ieosus e il nome di Dio ti riporto due stralci tratti direttamente dal libro “DIALOGHI CON LA FORZA”

      su Ieosus:

      Ego: …… Come mai, quindi, Ieosus?
      Teofilo: ……Come uomo, il Figlio di Dio nacque da una madre ebrea, e quindi era anche lui un ebreo. Come tutti i giudei, il suo nome da bambino era ebraico. Il nome che gli venne dato fu Yahoshua, che significa “Yahweh è salvezza” o “Yahweh salva”. Il suo nome per esteso era probabilmente Yahoshua ben Yoseph (Gesù figlio di Giuseppe, in italiano)…… ma dobbiamo constatare che non ci è pervenuto nemmeno uno scritto della vita di Ieosus in lingua ebraica. Nulla, nemmeno un rigo, nemmeno non originale. Tutti gli scritti su Ieosus e sulla sua vita sono stati compilati dai suoi discepoli in lingua greca. In questi scritti il nome di Yahoshua viene riportato soltanto in greco. Questo fatto inoppugnabile, provato da centinaia di manoscritti, ci mette nell’imbarazzante situazione che recita: il nome del Figlio di Dio è stato scritto migliaia di volte in greco, nemmeno una sola volta in ebraico.

      su Dio:

      Ego: …..E quale nome Dio si è scelto per se stesso?
      Teofilo: Il primo contatto documentato tra Dio e gli uomini si è avuto al tempo di Moshe ……Fu lui, Moshe, a mettere per iscritto per primo il nome di Dio….

      Ego: E quale era questo nome?
      Teofilo: Moshe scrisse questo nome con questi caratteri ebraici: יהוה

      Ego: Come dovremmo leggerlo?
      Teofilo: La lingua ebraica si legge da destra a sinistra……. Queste quattro lettere dell’alfabeto ebraico, traslitterate in lingua italiana in senso inverso, da sinistra a destra, compongono la parola YHWH e rappresentano il nome di Dio espresso in una lingua umana comprensibile.

      Ego: Ma YHWH sono solo consonanti. Mancano le vocali…… Quali vocali dobbiamo aggiungere per leggere correttamente le quattro consonanti YHWH?
      Teofilo: In effetti oggi nessuno sa rispondere in maniera certa a questa domanda.

      Ego: Perché?
      Teofilo: Perché la lingua ebraica, in un primo tempo, non usava le vocali nella forma scritta, ma solo nella lingua parlata. Quindi la pronuncia di un certo termine veniva ricordata praticamente a memoria. Questo sistema di scrittura “compatto” aveva un problema. Se un termine o un nome non si pronunciava più per un lungo periodo di tempo, se ne dimenticava la sua pronuncia.

      Ego: È accaduto questo al nome di Dio?
      Teofilo: Esattamente…….. ad un certo punto della storia, nessuno ricordava più esattamente quali vocali andassero aggiunte alle consonanti YHWH ….. La pronuncia corretta di quel nome andò quindi persa. Comunque, secondo la stragrande maggioranza degli studiosi, la pronuncia corretta di YHWH è Yahweh…….,noi conosciamo con esattezza la pronuncia della forma abbreviata.

      Ego: Cosa si intende per versione abbreviata del nome di Dio?
      Teofilo: …. Secondo i testi ebraici e greci, la forma abbreviata del nome di Dio è vocalizzata come “Yah”. La parola “Alleluia” vuol dire letteralmente “Lodate Yah”, dove Yah è la forma abbreviata (o la prima parte) del nome di Dio. Quindi potremmo chiamare Dio con la forma abbreviata del suo nome, Yah….. Questa certezza ci permette di avere le idee chiare su quale dovrebbe essere la pronuncia corretta del nome esteso di Dio. Essendo la prima parte del nome Yah, il nome di Dio per esteso sarà Yah+qualcosa, molto probabilmente Yah-weh.

  5. Scusate ma può anche essere accettata la forma YEHOVAH.
    In proposito Asher Intrater, ebreo messianico, dice qualcosa che può spiegare il perché delle parole dell’apostolo Giovanni: “Aggiungendo le vocali “e”, “o”, “a” alle consonanti YHVH, si ottiene il nome YeHoVaH. In questa struttura verbale, la “e” (sh’va) indica il tempo versale futuro, la “o” (holom) il presente e la “a” (patach) il passato, dando al nome YeHoVaH il significato di “Egli sarà, Egli è, Egli era”: in altre parole, l’Eterno”. Asher Intrater, “Chi ha pranzato con Abrahamo?”, edizioni Perciballi, novembre 2012, p. 162.

    • Riteniamo che la forma contratta “Yah” dalla parola “Alleluia” (Lodate Yah) possa essere una ragionevole base  logica e grammaticale per dare più credito alla vocalizzazione Yahweh piuttosto che Yehovah.

      In tre casi, all’interno dell’esclamazione ebraica Alleluia, la vocalizzazione del nome proprio di Dio è rimasta inalterata anche in greco (Yah). Questo vuol dire che per millenni, nessun fedele servitore di Dio ha mai tradotto il suo nome. Evidentemente Dio non voleva che il Suo nome venisse tradotto. È desiderio quindi di Dio che i suoi figli usino il Suo nome con la pronuncia ebraica di YHWH (che secondo molti studiosi si pronuncia Yahweh). Inoltre è suo desiderio che vi sia una sola pronuncia del Suo nome, come viene profetizzato in Zaccaria 14:9 che dice: “In quel giorno Yahweh mostrerà d’essere uno solo, e uno solo il suo nome”. Dio vuole “un solo nome”, quello originale scritto in ebraico, pronunciato in maniera identica in tutte le lingue. Possiamo concludere che indipendentemente dalla vocalizzazione che intendiamo usare (Yahweh o Yehowah)la forma italianizzata del nome di dio (Geova) come in tutte le altre traduzioni non sono particolarmente gradite da Dio. Detto questo di certo non saremo giudicati per come avremo pronunciato il suo nome!

    • Caro Amico di.. la forma ritenuta più corretta resta yahveh o al massimo yahueh. La pronuncia yehovah è un assurdo grammaticale in ebraico. L’interposizione vocalica effettuata da parte dei masoreti è nota a chi studia l’argomento..ma dovrebbe sapere che tale vocalizzazione ebbe il solo scopo di nascondere la vera pronuncia del Nome. Faccio un esempio stupido: se io mi chiamo Angelo, il mio nome in ebraico sarà traslitterato ngl. Se ora inserisco le vocali del nome Mario esce fuori anigol o nagilo..che non sono ne una parola ne un nome. Questo accadde con il tetragramma. Quindi, dal punto di vista linguistico, yehovah, geova e suoi derivati non rappresentano altro che un pasticcio grammaticale che nulla ha a che fare con il vero nome di Colui che è.

      • È risaputo anche che per vocalizzare il tetragramma (4) consonanti ci vogliono 4 vocali e non 3 come accade con la pronuncia yahveh. Ma questa è tutta un’altra storia. È solo uno stupido ragionamento.
        Buona giornata a tutti!

  6. Questo è sicuramente un argomento opinabile su cui la sola scrittura di Zaccaria non è risolutiva, così come non lo sono le argomentazioni sul perché i primi traduttori delle scritture ebraiche ,probabilmente dei pagani istruiti al servizio di un imperatore Ellenico (Tolomeo) ,che non aveva nessun interesse nel vocalizzare il nome di dio ,ma solo sapere cosa rappresentava la legge (il pentateuco) per la folta comunità ebraica presente nel suo impero. Diede così compito di tradurre le scritture ebraiche e per approvare il lavoro svolto lo fece valutare dal sinedrio composto da 70 anziani. (Storia della SETTANTA GRECA)
    Guarda caso gli altri nomi furono tradotti tra cui Iesus, e Gesù disse di aver fatto conoscere il nome del padre suo nella lingua in cui predicava , il greco. Decine di studosi e traduttori non ebbero nessuna difficoltà nel proporre diverse pronunce nelle loro versioni delle sacre scrittire fino a italianizzare anche la forma Geova. Come sapete non è un invenzione dei nostri fratelli degli anni 50.

    • Allora ognuno si tiene la propria convinzione! 🙂
      C’è da dire che dalla nostra abbiamo “solo” la scrittura di Zaccaria e tre Lode a te Yah nei testi grechi. Nulla di che! 😉

  7. Grazie della risposta esaustiva, Moderatore1. Come si può capire dal mio nic, sono inattiva.. per una serie di motivi, sono rimasta delusa, e non credo più che il cd sia l’unico canale di Dio sulla terra. Ho iniziato a leggere e partecipare a qualche discussione sul blog di Victor ed “I TdG si fanno domande” e leggo il blog di Politi… Vi confido di essere MOLTO amareggiata e confusa.. Qui ho letto di profezie (ma devo approfondire con calma e leggervi più spesso)… Per il momento vi ringrazio e vi saluto con affetto.

  8. Caro Amico di
    Come riportato dall’amico Stan, ormai è risaputo anche dalla WTS, che yehovah, geova, frutto dello stratagemma dei Masoreti ” maestri ebraici della tradizione”, i quali tra il IV e V secolo adottarono proprio quelle vocali “eoa” aggiungendole al Tetragramma, appunto per nasconderne la vera vocalizzazione ; ciò detto anche la WTS , ne è a conoscenza, ma non può ammettere platealmente di aver predicato per cento anni…, un nome falso , come se fosse quello di Dio, ma si limita a dire che non si conosce la vera vocalizzazione…,
    ma sa per certo che yehovah, geova è un falso attribuito al Creatore, benchè continua a sbandierarlo.
    Quindi come si può insegnare e sbandierare ancora che geova è il nome del Creatore ” benchè YHWH non sia un nome”, sapendo a priori che è falso ??

    • Caro Gigio, in più occasioni ho dialogato con tdg riguardo il tema del nome di HaShem. Ogni volta la risposta è sempre la stessa identica: “sappiamo che non è possibile conoscere la corretta pronuncia del nome di Dio ma lo chiamiamo Geova perchè Egli ha detto che il suo nome deve essere conosciuto ed è meglio chiamare qualcuno anche se gli si storpia il nome, piuttosto che non chiamarlo.” Ogni volta mi fanno l’esempio di quando si va in un paese straniero dove pronunciano scorrettamente il tuo nome e mi chiedono se preferirei essere chiamato con il mio nome magari “francesizzato” o “inglesizzato” piuttosto che non essere chiamato…
      Ora, non so da che parte cominciare per dire quanto sia ridicolmente privo di senso questo discorso. Purtroppo quando spiego loro che storicamente il nome Geova deriva da una scorretta lettura “alla occidentale” del tetragramma ad opera di un prete nel medioevo, loro fanno finta di non aver sentito….

      • Certo che l’esempio che ti fanno ogni volta è molto squallido. Che ci vuole a imparare la pronuncia corretta di un nome piuttosto che storpiarlo?! Mah| Si vede che certe persone all’estero incontrano solo ultracentenari con demenza senile avanzata. Sono patetici!

      • Io non sottovaluterei il fatto che i testimoni di Geova di cui molti di voi hanno fatto o fanno parte sono stati gli unici a fare gridare ai 4 venti il nome di Dio. Con la pronuncia sbagliata? Quasi certamente. Togliamo il quasi? Va bene lo stesso. Ma se si pensa che la chiesa lo ha tenuto nascosto per 2000 anni e poi all’improvviso, dalla fine dell’800, uno sparuto gruppo si sia imposto a livello internazionale facendo scoprire a molti che Dio aveva un nome che non era Dio, Signore o l’eterno ma qualcosa che si avvicina tra Yawheh, Ieova, Geova, Yahu, Jeova, o come vi pare. Ma un nome ce l’ha!

        Non dimentichiamoci che è Dio ad aver “ordinato” ai suoi servitori di rendere noto il suo nome, e che quel tetragramma compare appena circa 7000 volte…Non vi sto insegnando niente di nuovo, me ne guarderei. Volevo solo dire che mi verrebbe meno da ridere se fossi in voi….e che una volta tanto, si riconosca un merito senza stare sempre a sparare a zero su tutto ciò che queste persone hanno compiuto e senza nulla togliere agli errori di cui si è ampiamente discusso in queato blog.

  9. Amici, ognuno di noia ha una sua opinione sul nome di Dio e sara difficile arrivare a una conclusione condivisibile sulla sua pronuncia visto che non abbiamo molte prove a disposizione oltre al tetagramma.
    Se poi lo vogliamo tradurre nelle varie lingue del mondo diventa ancora piu difficile e comunqe sarebbe sbagliato farlo, per due semplici motivi “esempio”
    1° il mio nome e`Luigi, se vado in germania il mio nome sara`Luigi e in cina
    anche lo stesso, perche e il`mio nome di nascita e non va tradotto in Ludwig o 路易 E questo dicasi di Dio, YHWE,הויה.
    2°Qualcuno sostiene che il tetagramma הויה, non e`il nome di Dio ma e un attributo. Al 50% haì raggione, perche i suoi attributi come divinita assoluta,
    lo identificano col nome che Dio s’e scelto (visto che non ha avuto un inizio). “IO MOSTRERÒ D’ESSERE CIÒ CHE MOSTRERÒ D’ESSERE””אני מראה לך על היותך במה שאנומציגים לך על היותך”IO MOSTRERÒ D’ESSERE” “אני מראה לך על היותך ESSERE הויה
    Alla fine ognuno dovra decidere, come disse Shakespeare “Essere (YHWE Dio) o non Essere ( YHWH Dio), questo e`il dilemma,
    Voglio ringraziare Dio e Carlos per l’aiuto spirituale che mi hanno dato.
    Mille Grazie.

Leave a Reply