Rivolgersi a Gesú?

Nel vostro post “la parola scomparsa” si comprende che Gesù, pur invitando a pregare solo il Padre, avesse invitato i suoi apostoli a chiedere a lui personalmente alcune cose e lui le avrebbe esaudite. Questo vale anche per noi?

Grazie per averci scritto. In effetti, la traduzione corretta di Giovanni 14:14 é :”Se voi MI chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò”. Gesù stava invitando i suoi discepoli ad adorarlo? Assolutamente no. Una cosa del genere non gli passava nemmeno per la testa.

Piuttosto Cristo stava ricordando ai suoi apostoli la posizione che egli avrebbe occupato entro poche ore: sarebbe stato il Capo della congregazione. È del tutto ragionevole per i sottoposti poter comunicare con il loro Capo. Chiediamoci: i discepoli lo fecero?

Le Scritture rispondono da sole. Atti 7:59 dice: “E tiravano pietre a Stefano mentre faceva appello e diceva: “Signore Gesù, ricevi il mio spirito”. Atti 9:13,14 dice “Ma Anania rispose: “Signore, ho udito da molti circa quest’uomo, quante cose dannose ha fatto ai tuoi santi in Gerusalemme. E qui ha autorità dai capi sacerdoti di mettere in legami tutti quelli che invocano il tuo nome”. Atti 23:11 dice “Ma la notte seguente il Signore gli stette accanto e disse: “Fatti coraggio! Poiché come mi hai dato completa testimonianza a Gerusalemme sulle cose che mi riguardano, così mi devi rendere testimonianza anche a Roma”. Probabilmente ci sono stati molti altri casi in cui il Signore ha comunicato direttamente con i suoi discepoli, e in cui i discepoli hanno comunicato con lui.

Questa situazione sarebbe continuata per sempre? No. Marco 13:34 dice “È come un uomo che, facendo un viaggio all’estero, lasciò la sua casa e diede l’autorità ai suoi schiavi, a ciascuno il suo lavoro, e comandò al portiere di vigilare”. Gesù profetizzò che ad un certo punto lui sarebbe “partito” dalla congregazione. Le comunicazioni, per così dire, si sarebbero interrotte. Questo accadde verso la fine del primo secolo. Sembra che Rivelazione o Apocalisse sia l´ultimo dialogo avvenuto tra Cristo e un discepolo, in questo caso l´anziano Apostolo Giovanni.

Con la partenza di Cristo, tutto venne lasciato in mano a un gruppo di persone chiamato nelle Scritture “gli Sciavi della casa”. (Mr 13: 32-37). Questo Schiavo, nel bene e nel male, svolge il suo ruolo per oltre 1900 anni. Ad un certo punto il Signore sarebbe tornato. Con il ritorno del Signore, lo Schiavo avrebbe ricevuto o una ricompensa o un giudizio. Da quel momento in poi il Signore sarebbe stato nuovamente presente nella sua Ekklesia, e non avrebbe avuto bisogno di altri intermediari fra lui e i discepoli.

Dal quel momento in poi, il Capo della Congregazione é di nuovo presente e attivo. I cristiani che vivono durante la presenza del Cristo devono tenerlo presente. Ripetiamo il punto: nessuno si rivolgerà mai in preghiera a Gesù come si rivolge a Yahweh. Ma il suo ruolo come Capo della Ekklesia va riconosciuto.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.