Se Lele e Sofia potessero parlare

Se Lele e Sofia (i due bambini animati divenuti icona dei Testimoni di Geova) potessero parlare, cosa ci direbbero? Certo non quello che i copioni preparati dal Corpo Direttivo di Warwick fa dire loro. Il canale YouTube “Talk Beliefs” ha divulgato un video animato che spiega in maniera semplice il problema di molti bambini  all’interno dei Testimoni di Geova.

Per chi non comprende l’inglese abbiamo preparato una traduzione.

************************ Inizio traduzione****************************

Un bambino all’interno dei Testimoni di Geova è stato abusato sessualmente da un altro Testimone di Geova (adulto)

Il bambino lo riferisce agli anziani dei Testimoni di Geova della sua Sala del Regno

Gli anziani chiedono all’adulto che viene accusato dal bambino se le accuse sono vere o meno

L’adulto testimone di Geova accusato può negare ogni addebito, o che lui sia mai stato lì.

Ma a questo punto si crea il vero problema:

Un anziano dei Testimoni di Geova può accettare una accusa solo se questa è supportata da due o più testimoni oculari.

Questa è conosciuta come la “regola dei due Testimoni”.

I testimoni di Geova usano diversi versetti biblici per sostenere questa regola, tra cui Matteo 18:16.

Secondo la Traduzione del Nuovo Mondo (dei Testimoni di Geova) dice: “Ma se non ascolta, prendi con te uno o due altri, affinché per bocca di due o tre testimoni sia stabilita ogni questione”.

Un’altra versione di questa regola è la “regola delle due vittime”. In questo caso viene intrapresa una qualche azione solo in presenza di due o più vittime (dello stesso pedofilo).

Quindi, il bambino viene esposto alla possibilità di subire nuovi abusi mentre gli anziani restano inattivi in attesa di un altro abuso (da parte del pedofilo).

Ancora una volta, se l’accusato nega il reato o dice di non sapere, il caso viene semplicemente archiviato.

Quando si chiede a qualche Testimone di Geova riguardo a questa palese ingiustizia, questi risponderanno semplicemente che “la cosa viene lasciata con sicurezza nelle mani di Geova”.

In casi giudiziari negli USA e nel Regno Unito, l’organizzazione Watchtower dei Testimoni di Geova è stata trovata negligente nella protezione dei bambini da pedofili conosciuti dalla comunità all’interno delle loro congregazioni.

La Commissione Reale Australiana ha riscontrato 1.006 abusatori sessuali di bambini identificati dai Testimoni di Geova all’interno della loro organizzazione dal 1950 al 2015.
Di questi, nessuno è stato riportato (dagli anziani) alle autorità.

La Watchtower (Torre di Guardia) ha rifiutato di rilasciare i nomi dei pedofili che loro hanno registrato all’interno del loro archivio mondiale.
Alcune stime ipotizzano una cifra di 23.000 casi in molte nazioni.

I Testimoni di Geova asseriscono che loro usano politiche estremamente sicure per la protezione dei bambini.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.