Sposarsi solo nel Signore

 

Ho una domanda da farvi: cosa vuol dire la scrittura di 1 Corinti 7.39 “sposarsi solo nel Signore”? Grazie.

Grazie per averci scritto. Questa Scrittura é una delle più usate dal Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova per tenere incatenati gli aderenti alla loro religione, in questo caso i giovani che vogliono sposarsi. Obbligano “di fatto” i giovani Testimoni di Geova a sposare solo altri Testimoni di Geova. Se non lo fanno vengono “segnati”, vuol dire additati di fronte a tutta la comunità come “cattive compagnie”.

Rispondiamo alla tua domanda vedendo innanzitutto cosa NON vuol dire questa scrittura. Pochi Testimoni di Geova sanno che questa scrittura non si riferisce alle sorelle nubili, o “vergini”, ma alle vedove. Prima di essere accusati di apostasia, postiamo l´intero pensiero che dice: “La moglie è legata per tutto il tempo che il marito vive. Ma se il marito si addormenta [nella morte], è libera di sposare chi vuole, solo nel Signore. Ma è più felice se rimane com’è, secondo la mia opinione”. (1 Co 7:39,40)

Sotto ispirazione, Paolo aveva già parlato del matrimonio delle “vergini” o “nubili” nei versetti precedenti. (Versetti da 25 a 38). Se Paolo voleva porre il comando “alle vergini” o “nubili” di sposare solo altri credenti, lo avrebbe fatto nei versetti precedenti. Invece no, Paolo menziona questo aspetto solo nel caso delle vedove.

Perché Paolo menziona questo aspetto solo nel caso delle vedove? Bisogna capire il contesto in cui Paolo scrisse questo consiglio, la città di Corinto del primo secolo. L´alternativa di sposare un cristiano era quella di sposare un pagano. Nella maggioranza dei casi, una vedova cristiana aveva avuto un marito che la trattava “come un vaso più debole, assegnandole onore” secondo i principi biblici. I pagani dell´epoca, e in particolar modo i greci, consideravano le loro mogli solo le genitrici dei loro figli. Non si facevano nessun problema ad avere altre donne, specialmente più giovani. Era una cosa comunemente accettata. L´idea di matrimonio che aveva una vedova cristiana era nettamente diversa dall´idea di matrimonio che avrebbe avuto sposando un pagano. Da qui il consiglio di sposare solo un altro cristiano, o restare vedova.

Abbiamo messo in neretto le due scelte (1) sposare un cristiano o (2) restare vedova perché solo così si capisce il senso della frase di Paolo: risposarsi in questo ambiente può essere un rischio per la tua fede. Pensaci bene.

Il consiglio si poteva applicare anche alle vergini? Il consiglio di trovare un “buon marito” o una “buona moglie” ovviamente si applica a tutti, sia uomini che donne. Ma Paolo non poteva dire a una giovane ragazza “o ti trovi un cristiano o resti nubile”. Infatti non lo dice in nessun punto dei versetti precedenti (v.25-38). Paolo comprendeva il desiderio naturale dei giovani di sposarsi, e non voleva spingergli verso la fornicazione imponendogli una regola. In ultima analisi era una loro decisione, Paolo stava dando solo dei consigli per il loro bene, ma si guardava bene dal mettere una regola.

Nei giorni d´oggi chi corrisponde a “un uomo nel Signore”? Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ha meschinamente interpretato questo passo come se si dovesse leggere “solo un Testimone di Geova”, ma per nostra fortuna lì non c´é scritto così. Un uomo nel Signore indica un uomo che ha rispetto per la Legge del Cristo e lui stesso vi é sottomesso. Gesù disse in Matteo 7:22,23 “Molti mi diranno in quel giorno: ‘Signore, Signore, non abbiamo profetizzato in nome tuo, e in nome tuo espulso demoni, e in nome tuo compiuto molte opere potenti?’ E allora io confesserò loro: Non vi ho mai conosciuti! Andatevene via da me, operatori d’illegalità”.

Dato che molti pensano di essere “nel Signore” ma sono solo operatori di illegalità, in ultima analisi decidere se un uomo é “nel Signore” é una scelta che una vedova che desidera sposarsi deve fare da sola.

Che dire della pratica di “segnare” chi non si sposa “nel Signore” tipica dei Testimoni di Geova? Riflettiamo: se nemmeno un Apostolo nominato da Cristo in persona, sotto ispirazione, si permise di “obbligare” una donna a sposare questo o quello, come deve considerare Geova un gruppo di persone che obbliga di fatto le donne a scegliere “chi vogliono loro”? Li distruggerà miseramente.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.